Marco Cartasegna di nuovo nella bufera tira in mezzo Silvia Romano: Twitter in “rivolta”

11/05/2020 di Valentina Gambino

Marco Cartasegna fa esplodere la nuova polemica e tira in mezzo Silvia Romano

Marco Cartasegna in questo periodo non ce la fa. Dopo averla sparata grossa sui Navigli e gli assembramenti in quel di Milano, che hanno fatto notevolmente arrabbiare il sindaco Beppe Sala (cliccare per credere), ha detto la sua in merito alla liberazione di Silvia Romano.

Marco Cartasegna fa esplodere la nuova polemica e tira in mezzo Silvia Romano

Come ben sapete proprio ieri Silvia Romano è stata liberata dopo 18 mesi in Africa, atterrando nel primo pomeriggio a Ciampino, con un volo militare diretto da Mogadiscio. La giovane donna è scesa dall’aereo sorridente, mentre indossava uno “jilbab”, l’abito delle donne somale (cliccare per credere).

L’ex tronista di Uomini e Donne ha condiviso uno scatto di Silvia al fianco del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del Ministro Luigi Di Maio, scrivendo: “Le regole valgono solo per i milanesi cattivi sul Naviglio. #Assembramenti #Minimo1metro”. Lui voleva essere solamente provocatorio ma ha (di nuovo) sollevato una polemica che – anche in questo caso – si poteva risparmiare.

“La mia è una provocazione contro il moralisti che dovrebbero esserlo fino in fondo e con coerenza anche in questa circostanza”, ha spiegato l’influencer. Per Cartasegna, infatti, la gente si dovrebbe indignare nella stessa maniera, a prescindere da coloro che starebbero creando gli assembramenti.

Peccato che ai Navigli la gente si stesse divertendo per un momento di relax fine a se stesso con stupida incoscienza e superficialità. Caso ben diverso la liberazione Romano. Lei credo che non si faccia una sana risata (ed un aperitivo) da mesi.

Su Twitter, naturalmente, è esplosa la polemica.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI