Marco Carta

Marco Carta chiede il rito abbreviato: al via processo per furto magliette

16/09/2019 di Emanuela Longo

Si avvicina sempre di più il processo a carico di Marco Carta per il furto delle magliette alla Rinascente a Milano. Il cantante sardo ha chiesto di essere processato con il rito abbreviato. L’istanza condizionata all’acquisizione delle immagini delle telecamere della Rinascente dove sarebbe avvenuto il furto lo scorso maggio, sarà depositata dal legale, l’avvocato Simone Ciro Giordano nella prima udienza fissata al prossimo 20 settembre. Carta non è il solo imputato: con lui anche l’amica 53enne Fabiana Muscas.

Marco Carta, verso il processo con rito abbreviato

Non si spengono i riflettori sul caso che vede coinvolto Marco Carta nel presunto furto delle magliette alla Rinascente di Milano, avvenuto lo scorso maggio. Nelle passate settimane, come rammenta TgCom24, il pm Nicola Rossato, titolare del fascicolo sul furto, ha acquisito le immagini delle telecamere del grande magazzino milanese ed ha sentito come testimoni alcuni dipendenti della Rinascente che si sono aggiunti ad altri testi già ascoltati in passato.

Secondo l’accusa, non sarebbe stata solo la donna, la 53enne Fabiana Muscas, l’artefice del furto ma anche il vincitore del Festival di Sanremo sarebbe stato responsabile dei fatti contestati.

Proprio questa convinzione ha portato il pubblico ministero a presentare ricorso in Cassazione contro la mancata convalida dell’arresto del cantante sardo da parte del giudice Stefano Caramellino. A tal proposito l’udienza è fissata per il 6 novembre prossimo. Per la donna invece l’arresto era stato convalidato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Marco Carta dopo l’arresto dello scorso 1 giugno per l’ipotetico furto di magliette alla Rinascente, era stato liberato ma dovrà comunque affrontare un processo a settembre. Il Giornale riporta nuovi dettagli sulla questione, confidando che adesso, sarebbero anche spuntati i filmati della videosorveglianza: “Questo materiale dovrebbe suffragare l’ipotesi del pm che pare ritenga che anche il cantante sia coinvolto direttamente nel furto. Stando a quanto filtra, pare che le testimonianze abbiano rafforzato l’ipotesi accusatoria”. In ultimo, il responsabile della sicurezza della Rinascente avrebbe presentato denuncia contro Carta e Muscas, con il centro commerciale che potrebbe costituirsi parte civile per chiedere i danni contro il processo. Voi cosa ne pensate di questa storia? Credete nella sua innocenza?

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI