Marcell Jacobs, spunta il post transfobico e Gay Center interviene: “prenda le distanze”, il web si schiera con il centometrista

03/08/2021 di Valentina Gambino

Marcell Jacobs

Marcell Jacobs è l’uomo del momento. Dopo aver vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo 2020, spuntano anche gli scheletri nell’armadio come quel post transfobico del 2012.

Marcell Jacobs, spunta il post transfobico

Gay Center ha tirato fuori un post del 2012 di Marcelle Jacobs, invitandolo a prenderne le distanze. Nell’agosto di nove anni fa, l’allora 18enne scriveva su Facebook:

E stasera al (nome locale) ci sono state due figure di merd*! La prima: (nome amico) che cade davanti a tutti. La seconda: Alessandro che balla davanti a un trans. Ahahahah! 

 


Gay Center ha aggiunto:

Ci segnalano un post dove il centometrista Marcell Jacobs , oro olimpico di Tokyo, utilizza un linguaggio transfobico nei confronti delle persone trans. Diversi anni fa Jacobs aveva infatti denigrato un suo amico, colpevole, secondo lui, di aver ballato con una ragazza trans, tra l’altro definita al maschile con le parole ‘un trans’. 

Un linguaggio sicuramente da condannare, in quanto stigmatizza le persone trans, come se ballare con una ragazza trans fosse qualcosa da evitare e di cui vergognarsi. Ci auguriamo che Jacobs prenda le distanze da tale affermazione, ricordando che è proprio tale linguaggio escludente che crea omofobia e transfobia, e per cui le persone si sentono isolate per quello che semplicemente sono.

Jacobs ha il dovere di schierarsi a favore dei diritti e per questo ci aspettiamo che aiuti l’Italia a correre in tale direzione. Noi immaginiamo un Jacobs diverso dai cattivi esempi che abbiamo avuto nello sport italiano. 

Dalle parole omofobe di Fognini nel tennis, fino alle dichiarazioni di Gattuso che sono costate la panchina al Tottenham, tornando indietro fino agli Europei in cui Antonio Cassano denigrava le persone omosessuali.

Oggi c’è invece uno sport che corre molto più veloce degli omofobi. Dai coming out olimpici di Bruni, Enogu e Boari, fino al tuffatore Tom Daley che destina i ricavati delle proprie azioni sociali alle case di accoglienza LGBT. 

Vettel, al Gran Premio di Ungheria, ha invece indossato una maglia rainbow contro le politiche discriminatorie di Orban. Ci piacerebbe che Jacobs facesse lo stesso percorso di Emanuele Mauti, pallanuotista che si scusò per alcuni scivoloni omofobi del passato e chiese scusa durante il Pride di Latina del 2017.

Poi l’invito:

Aspettiamo Jacobs al Rieti Lazio Pride l’11 settembre. Quale città più di Rieti, simbolo dell’atletica e pronta ad ospitare il Pride, può essere lo scenario migliore per far correre verso i diritti il paese intero.

Il web prende le difese del centometrista 

Dopo il post molti utenti hanno preso le difese di Jacobs: “Aveva 17-18 anni 9 anni fa. Voglio proprio vedere come eravate tutti a quell’età. Tutti perfetti ed educati immagino”, “che poi, se quel post è transfobico dovremmo invocare un nuovo tribunale di Norimberga con condanne a morte immediate per almeno 4 quotidiani italiani…”, “mi sfugge la parte transfobica del post”, “17 anni aveva…a sto punto andiamo a prendere le conversazioni delle medie e facciamo il processo a tutti. Madonna che pagliacci che siete”.

E ancora: “tweet del 2012 quando era praticamente ancora un bambino”, “è un atteggiamento ridicolo questo oltre che dannoso per la comunità, nostro obiettivo è migliorare, fare in modo che le persone cambino atteggiamento e idea non certo fare gogne su post vecchi di anni”, “cadere così nel ridicolo pur di fare qualche interazione. Andate a cag… e ve lo dice una che dovreste rappresentare, ma faccio volentieri a meno”.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI