La “maledizione” di Love Island: quattro suicidi choc, nuove misure di sicurezza

20/06/2021 di Valentina Gambino

La “maledizione” di Love Island

Love Island, divenuto famoso anche in Italia, in onda su Discovery+ e in replica su Real Time con Giulia De Lellis, “nasconde” una sorta di “maledizione” per via di tre (o meglio, quattro) suicidi che hanno coinvolto alcuni personaggi del celebre reality britannico.

La “maledizione” di Love Island: tre suicidi choc, i provvedimenti

Dopo gli ex concorrenti Sophie Gradon e Mike Thalassitis, si è tolta la vita anche la storica presentatrice Caroline Flack, già ex di Harry Styles. 

Sophie si è impiccata nella sua casa di famiglia a Medburn, Ponteland, il 20 giugno del 2018. La 32enne è stata trovata dal fidanzato Aaron Armstrong, 25 anni, che si è tolto la vita anche lui 20 giorni dopo.

Il 16 marzo del 2019 si è suicidato anche Mike Thalassitis. Il campione di football è stato trovato impiccato nei boschi che circondavano la sua abitazione.

L’ultimo sconcertante suicidio in ordine di tempo che ha letteralmente sconvolto la produzione e i telespettatori di Love Island, è stato quello commesso, nel 2020, dalla conduttrice delle prime cinque edizioni del reality, Caroline Flack

La conduttrice è stata trovata impiccata nel suo appartamento in occasione della puntata del programma che annunciava i vincitori della sesta edizione.

I suicidi collegati a Love Island hanno portato i telespettatori a chiedere la cancellazione dello show: nonostante le sollecitazioni, i produttori del reality hanno deciso di confermare l’edizione 2021, introducendo nuove misure e annunciando di aver “drasticamente rivisto il protocollo sanitario” e i loro “doveri di diligenza”.

La produzione ha assunto uno psicologo clinico, il dottor Matthew Gould, incaricato di revisionare le procedure e le caratteristiche del reality show.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI