Le due facce dell’amore, Daniele Liotti protesta contro lo spostamento su La 5: “Mediaset ha offeso il pubblico”

01/11/2010 di Emanuela Longo

I risultati in termini di ascolti, non sono stati del tutto positivi per la serie tv ospitata inizialmente sulla rete ammiraglia Mediaset, Le due facce dell’amore, e che vede l’interpretazione di Daniele Liotti e Lola Ponce. Non è bastata, così, la presenza di due bellissimi attori a far volare gli ascolti, e così, la “punizione” dall’alto si è tradotta in uno spostamento della serie, da Canale 5 a La 5.

Molti sono stati gli spettatori che ne hanno risentito, non vedendo più i vari spot che annunciavano la messa in onda sulla rete originaria  e non potendo usufruire appieno della visione di La 5, a causa ancora di alcuni problemi del canale digitale nella ricezione in tutto lo Stivale.

Eppure, su La 5 la fiction sembra aver trovato il suo habitat naturale, contribuendo a registrare un vero record per un canale free nato da poco tempo: nell’ultima puntata, infatti, a guardare la serie tv sono stati ben 700 mila spettatori, corrispondenti al 3,89% di share.

A venire incontro alle proteste dei telespettatori, tuttavia, è stato proprio uno dei protagonisti della fiction, il bel Daniele Liotti, che ha manifestato il suo malcontento nel corso di un’intervista sulle pagine del settimanale Gente:

Hanno offeso il pubblico con la decisione di spostare Le due facce dell’amore sul digitale. L’azienda non ha tenuto in considerazione tutto le persone affezionate al programma,  molte non più giovanissime, che hanno poca dimestichezza con le nuove tecnologie. Cosa decreta o meno il successo? Due punti di share? Se sei sotto, butti via mesi e mesi di lavoro. Se sei sopra, diventi una star.

Chi sperava di raggiungere sulla rete ammiraglia Mediaset gli stessi ascolti de Il peccato e la vergogna con Gabriel Garko, ovviamente si è dovuto ricredere, ma Liotti non sembra affatto nutrire invidia nei confronti del collega-attore:

Non ho nessuna invidia per lui semplicemente la ruota per me ancora non è girata. Diventare un sex symbol come Garko non mi interessa, ho il mio seguito di fan e preferisco che mi dicano che sono un bravo attore.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI