Lapo Elkann choc: “A 13 anni sono stato violentato più volte”, le sconvolgenti dichiarazioni

10/09/2020 di Valentina Gambino

Lapo Elkann

Lapo Elkann, ospite della prima puntata di Verissimo in onda questo sabato 12 settembre, sconvolgerà il pubblico con delle dichiarazioni choc che aveva già raccontato ma solamente tramite le pagine di un giornale e mai in televisione.

Lapo Elkann choc: “A 13 anni sono stato violentato più volte”

Non ho amato molto la mia infanzia. Sono stato un bambino dislessico, iperattivo, affetto da deficit dell’attenzione e siccome a scuola ero sempre indietro, volevo dimostrare di essere più forte. In collegio, a 13 anni, sono stato abusato più volte e un fatto come questo ti porta ad andare, a volte, verso l’autodistruzione, perché l’abusato si sente in colpa. E’ importante dirlo. Se non lo affronti con profondità questo dolore negli anni ti mangia, ti porta a vivere la vita con grandissima difficoltà.

Lapo Elkann ha cercato con tutte le forze di superare questo terribile trauma:

La mia sensibilità e la mia grande forza di volontà mi hanno aiutato. Non ho paura delle mie fragilità. Ho imparato ad accettare me stesso e a chiedere aiuto. C’è voluto del tempo ma oggi sto bene con chi sono.

Poi parla anche della droga:

Quando sei solo, ad un certo punto la fragilità non sai come affrontarla. Le sostanze ti distruggono la vita ed io di problemi ne ho avuti. Per me l’uso di sostanze era un anestetizzante. Anestetizzavo un dolore che sentivo in me. Purtroppo ne ho pagato più volte le conseguenze… Io di male me ne sono fatto abbastanza da solo, d’ora in poi voglio altro.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il secondo ospite della nuova stagione di #Verissimo è… Lapo Elkann💥 Sabato non perdete in esclusiva, alle 16.00 su #Canale5, la sua intensa intervista!

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI