Lady Gaga vende mutande per lanciare il nuovo album Chromatica: “Troppo gay!”

12/05/2020 di Emanuela Longo

Lady Gaga

Manca sempre meno all’uscita di Chromatica, il nuovo album di Lady Gaga atteso per il 29 maggio, e Stefani Germanotta ha deciso di dare una svolta al modo consueto di promuovere il suo ultimo lavoro discografico. Non più poster, spillette o gadget simili ma lingerie sexy, in particolare perizoma per lei e sospensori per lui. Un’idea che però non a tutti piace. E c’è già chi tuona: “Troppo gay”.

Lady Gaga vende mutande per lanciare Chromatica, l’ultima provocazione

Lady Gaga ha annunciato la vendita di biancheria intima per uomo e donne a tema ovviamente con il suo nuovo look, ovvero un tripudio di fucsia e verde fluo.

La popstar ha dimostrato di conoscere molto bene i gusti dei suoi fan e per questo ha deciso di esaudire un loro desiderio, entrare in possesso di un gadget ufficiale. Ha quindi realizzato uno shop super colorato con prodotti insoliti e dalla grafica accattivante, pensati in vista dell’uscita del nuovo album.

Non solo però magliette, pantaloni della tuta, calzini di spugna, cappellini, felpe, tazze e borse, ma anche cuscini sagomati e vinili in edizione limitata. Tra gli altri prodotti speciali anche una coppia di mutande davvero maliziose per uomo e donna e che già hanno attirato l’attenzione dei fan.

Tanti hanno apprezzato l’ironia dell’artista definendo l’idea di Lady Gaga geniale ma non sono mancate le critiche nei confronti dei sospensori da parte di alcuni hater che, come sottolinea Il Giornale, hanno definito l’intimo maschile proposto non solo “troppo gay” ma anche costoso (si parte dai 30 euro).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

ENERGY SHOP.LADYGAGA.COM

Un post condiviso da Lady Gaga (@ladygaga) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI