La Casa nella Prateria aveva “previsto” il Coronavirus? Gli episodi “incriminati”, parla Melissa Gilbert

02/05/2020 di Valentina Gambino

La Casa nella Prateria aveva “previsto” il Coronavirus?

Ieri sera su Canale 5 è andato in onda Contagion, pellicola di Steven Soderbergh che aveva “anticipato” la pandemia di nove anni (cliccare per credere). La pellicola però, non è l’unica ad avere raccontato con largo anticipo ciò che sta vivendo il mondo attualmente. Ed infatti, anche La Casa nella Prateria aveva ipotizzato qualcosa in merito.

La Casa nella Prateria aveva “previsto” il Coronavirus?

Sarebbero due gli episodi de La Casa della Prateria che tirano in ballo il Coronavirus. La prima puntata s’intitola “L’epidemia” (Plague in originale) e fa parte della prima stagione. Nell’episodio in questione parla del tifo che infetta gli abitanti di Walnut Grove. Il capofamiglia Charles Ingalls (interpretato da Michael Landon) e il dottor Baker (Kevin Hagen) scoprono che ha un’origine animale: arriva dai topi presenti nei sacchi di grano.

Quali i sintomi? Febbre e tosse con i tentatici di limitazione particolarmente simili a quelli di oggi: il pastore Alden (Dabbs Greer) modifica la chiesa in un ospedale da campo per curare gli ammalati, Charles confida alla moglie Caroline (Karen Grassle) di aver dovuto sotterrare un anziano in una fossa comune, Laura (Melissa Gilbert) pratica il distanziamento sociale con il padre che può vedere solamente a debita distanza per il pericolo di contagio.

Nel secondo episodio de La Casa della Prateria che si chiama “La quarantena” (in originale Quarantine), si riferisce alla terza stagione. La trama di questa puntata parla del signor Edwards (Victor French) rientrare da un viaggio portandosi appresso un malanno sconosciuto, che colpisce la figlia Alicia. Isaiah, amico fraterno di Charles, attiva il confinamento domestico: si sistema immediatamente all’interno di un capanno per non infettare il resto della sua famiglia.

Parla Melissa Gilbert

Il New York Post ha intervistato Melissa Gilbert, chiedendole un parere sugli episodi che avrebbero “previsto” il Coronavirus:

Mi sono resa conto soltanto oggi di quanto La casa nella prateria sia stata premonitrice. Tutti noi possiamo imparare qualcosa da ciò che succede in quegli episodi. Anche se su piccola scala molto di quello che è stato fatto nella serie è applicabile oggi. Il villaggio ha attenuato la situazione mettendo tutti a casa in quarantena, isolando i malati in un unico luogo e cercando la causa del virus.

In fondo l’episodio L’epidemia non è altro che un racconto di abnegazione e altruismo per un bene superiore. Proprio come adesso, gli abitanti di Walnut Grove erano tutti insieme. Non avevano i progressi scientifici di oggi e nessun tipo di cura, ma si sono legati come comunità per superare la crisi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Laura e bandito ❤️❤️

Un post condiviso da 🏡la casa nella prateria🏡 (@__la_casa_nella_prateria__) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI