L’Est Europa propone una nuova versione dei Simpson: i Samsonadez, creati a immagine e somiglianza della Georgia

23/12/2009 di Valeria Panzeri

Gialli sono gialli anche loro, inoltre il cognome dell’onorata famiglia cartoon georgiana ricalca volontariamente i notissimi parenti d’oltreoceano, ma di cosa stiamo parlando?

L’otto dicembre di questo mese è andato in onda in Georgia il primo episodio de i Samsonadez, cartone animato fortemente ispirato ai Simpson, cucito però su misura del Paese in questione. La stessa ideatrice della serie, Shalva Ramishvili, ha spiegato su cosa si basa questo nuovo progetto, analogamente all’impostazione di Groening si ironizzerà sulla società entro la quale i personaggi sono inscritti, ricorrendo spesso anche alla satira.
Ci sarà però una sostanziale differenza: la politica dello Stato in questione non sarà un tema trattato, anzi, è stato assicurato che il presidente della Georgia Mikheil Saakashvili, spesso al centro di numerose discussioni in virtù della gestione del proprio mandato, non verrà mai nominato. Del resto si fa quel che si può con la libertà che si possiede.

Importante, per tutti coloro che hanno lavorato a questo ibrido culturalmente interessante, è che il prodotto Sampsonadze non venga recepito come una brutta copia dei celebri predecessori, ma, piuttosto, un tributo ad essi. Insomma la stessa autonomia che la Pepsi rivendica sulla Coca Cola…
La famigliola vive in una casetta della classe media diffusa nella periferia Georgia asiatica, il nucleo familiare è composto in siffatta maniera: il padre, un pressappochista che ricorda molto Homer, è Gela, impiegato come addetto alle fotocopie presso una banca. Effettivamente, in merito alle centrali nucleari (presso cui lavora Homer) in quei luoghi non credo abbiano molta voglia di scherzare. Dodo è invece la signora di casa, anch’essa vanta una pettinatura di tutto rispetto. I figli sono soltanto due: Shorena, la femmina, e Gia, il nostro Bart per intenderci.
Maggie non può vantare una copia georgiana ma il Piccolo Aiutante di Babbo Natale si; infatti anche i Samsonadez possiedono una bestiola domestica, si tratta di un pappagallo di nome Koke.
Interessante lo stile grafico adottato, scisso tra Simpson e, a tratti, Persepolis.

Paese che vai, Simpson che trovi.

COMMENTI