“L’Anno che verrà”: Carlo Conti passa il testimone a Fabrizio Frizzi. Confermati i primi ospiti

21/12/2009 di Emanuela Longo

Il tradizionale appuntamento del 31 dicembre, su RaiUno in diretta da Rimini, quest’anno non vedrà più Carlo Conti alla conduzione della lunga serata in piazza fino allo scoccare del nuovo anno.
Il testimone della conduzione de L’Anno che verrà, viene ceduto, per l’occasione, a Fabrizio Frizzi, da un pò di tempo all’ombra del piccolo schermo.

Dopo sei anni alla conduzione dello spettacolo di San Silvestro, il toscano Conti lascia il palcoscenico di Rimini al collega Frizzi, che ci condurrà fino alla mezzanotte, brindando insieme a noi all’arrivo del 2010.

Sono molto contento; è una grande responsabilità e sarà un piacere brindare in diretta con tutti gli italiani. Sarò un Frizzi più ‘frizzante’ e ricco di sfumature,

questo, il commento del conduttore

Ma vediamo quali saranno gli ospiti che terranno il palcoscenico di Piazzale Fellini. Come sempre, grandi nomi della canzone italiana ed internazionale ci terranno compagnia fino al brindisi della mezzanotte, all’insegna di uno spettacolo musicale che quest’anno vedrà Massimo Ranieri, Max Pezzali, Malika Ayane, Fausto Leali, Little Tony, Luisa Corna, gli Imagination, i Los Locos, Linda, Simona Bencini, Antonino, Rosalia Misseri, Piero Mazzocchetti, le Divas.Il cast, tuttavia, non è ancora completo, quindi nuovi nomi spunteranno nel giro dei prossimi giorni.

Ma come ogni anno, non ci si accontenta solo della musica, ma anche dello show messo in atto dalla comicità di Emanuela Aureli, che non mancherà di presentarci le sue classiche ma anche nuove e rivisitate imitazioni di personaggi celebri.

Appuntamento, dunque, al 31 dicembre alle ore 21 (subito dopo il tradizionale discorso di fine anno del Presidente della Repubblica), su RaiUno, per lo spettacolo che è diventato ormai l’appuntamento fisso del Capodanno di RaiUno.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI