Katia Ricciarelli, a La Fattoria come al GF Vip: insulti alle concorrenti – VIDEO

05/01/2022 di Emanuela Longo

Katia Ricciarelli

Negli ultimi giorni non si parla d’altro che dell’atteggiamento di Katia Ricciarelli nella Casa del GF Vip. Ne parlano proprio tutti, tranne chi, forse, avrebbe dovuto farlo per primo, ovvero il padrone di casa del reality, Alfonso Signorini. Proprio il suo silenzio nei confronti dei vergognosi comportamenti della cantante lirica, hanno fatto collezionare al conduttore non poche critiche.

Katia Ricciarelli, a La Fattoria come al GF Vip

Katia Ricciarelli ormai è stanca. Lo ha ribadito più volte, ed anche io credo sia giunto il momento di mandarla a casa. La continua perdita di pazienza, gli eccessi, gli scatti d’ira misti a volgarità starebbero appannando sempre di più il suo personaggio.

A farne le spese sono soprattutto le donne della Casa ed in particolare il cast più giovane, additato con epiteti irripetibili. Un atteggiamento che tuttavia ora rispunta in un vecchio video tratto dalla sua partecipazione ad un altro reality, La Fattoria.

Il copione appare lo stesso: la Ricciarelli perde facilmente la pazienza prendendosela con le sue compagne di avventura ed insultandole. A seguire vi proponiamo un video con alcuni spezzoni montati e commentati all’epoca dalla Gialappa’s Band:

No, non mangio, perché mi viene da dare le sberle a qualcuno. Non si dice così… Meglio che vai a casa e badi a tuo figlio. Stare a casa sarebbe meglio, non venire qua a puntare a far carriera. […] Cominciate anche a dormire la notte invece di rompere le scatole tutte le notti. […] Adesso basta. No, no, no, basta. Risposte a me non le devono dare. Pensarci cinque volte prima di dare la risposta. Prima di tutto per rispetto e poi anche per rispetto di artista. Che non ha niente a che vedere con loro. […] Prima di parlare con me devi lavarti la bocca. Perché sennò ti picchio e ti incollo al muro. Ti ci spiaccico, vestita o non vestita. Allora stai zitta. Prima di parlare con me stai attenta a quello che dici perché vai fuori dalla porta così, dritta.

All’epoca, nel 2006, per il suo comportamento intervenne anche il Codacons che “bocciò” la cantante lirica:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI