J-Ax parla di Sergio Sylvestre, ringrazia i colleghi ma “dimentica” Fedez: vuoto di memoria?

25/06/2020 di Valentina Gambino

Fedez, J-Ax e Sergio Sylvestre

Non si attenua il polverone dopo l’interpretazione dell’Inno di Mameli di Sergio Sylvestre durante la finale di Coppa Italia. J-Ax è tornato sulla questione, ospite di Radio 105, puntando il dito contro alcuni suoi colleghi che non hanno difeso il Big Boy dalle critiche razziste ricevute dopo l’errore. Dopo il bastone anche la carota… peccato che si sia dimenticato (volutamente?) di citare Fedez.

J-Ax parla di nuovo di Sergio Sylvestre e ringrazia i colleghi

J-Ax ha ringraziato Elodie, Emma Marrone e Nek: “Volevo dare un grosso bacio a Elodie ed Emma e un abbraccio a Nek, perché mi sembra siano gli unici che insieme a me si sono esposti su questa cosa, perché quando si tratta di situazioni del genere i grandi cantanti che fanno tanto i fenomeni non si espongono per paura di perdere follower”, ha detto il rapper.

Dopo la vicenda, Ax aveva appoggiato il vincitore di “Amici”, pubblicando sui social una foto insieme:

Sergio a differenza di molti semplici “performer” è un vero artista e come tutti gli artisti è estremamente sensibile. Più volte durante amici l’ho visto commuoversi durante un pezzo o fermarsi per la troppa emozione. Ma questo è il segno distintivo non solo di un vero artista, ma anche di un vero uomo. Ovvero di qualcuno che non ha paura di svelare le proprie emozioni.

Sempre durante l’intervista a Radio 105 il rapper ha raccontato:

Conosco bene Sergio Sylvestre e la vicenda legata all’Inno di Mameli ha tirato fuori il peggio dalla rete, il solito rigurgito razzista, xenofobo. Poi lui ha fatto il pugno chiuso che per un ragazzo afroamericano ha un significato altro rispetto a quello che gli diamo noi dove il pugno chiuso significa comunismo. Anche l’ignoranza ci ha messo del suo, e so quanto male possa avergli fatto questa cosa perché lui è un ragazzo molto sensibile.

Fedez “volutamente” escluso?

J-Ax, però, nel ringraziare i colleghi che si sono esposti per Sergio Sylvestre ha dimenticato l’ex socio, collega e amico Fedez. Un semplice vuoto di memoria? (A onor del vero, si è pubblicamente schierata anche Alessandra Amoroso che Aleotti non ha citato).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ho conosciuto Sergio quando ho fatto Amici insieme al mio fratello @nekfilipponeviani . Ho conosciuto un ragazzo timido, riservato e innamorato di due cose: la musica e l’Italia. Sergio a differenza di molti semplici “performer” è un vero artista e come tutti gli artisti è estremamente sensibile. Più volte durante amici l’ho visto commuoversi durante un pezzo o fermarsi per la troppa emozione. Ma questo è il segno distintivo non solo di un vero artista, ma anche di un vero uomo. Ovvero di qualcuno che non ha paura di svelare le proprie emozioni. A differenza degli imbarazzanti ignoranti che diffondono odio sui social e a cui paghiamo lo stipendio da decenni che non conoscono nemmeno il significato di un pugno chiuso per un ragazzo afroamericano. Andate ad ascoltarvi “L’Italia per me” e ascoltate da Sergio stesso cosa rappresenta questo Paese per lui. @sergiosylvestreofficial

Un post condiviso da J-Ax (@j.axofficial) in data:

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI