Ilenia Pastorelli, il monologo ad Adrian che celebra l’amore universale

08/11/2019 di Emanuela Longo

Ilenia Pastorelli

Uno dei momenti più intensi dello show Adrian con Adriano Celentano, è stato il monologo di Ilenia Pastorelli. L’ex gieffina ha regalato un momento molto interessante contribuendo a dare un tocco in più in un programma che almeno nella prima parte ha visto sul palco sono presenze maschili del nostro piccolo schermo. Lei, con le sue parole, ha scandito la sua posizione contro sessismo ed omofobia calandosi nei panni della barista e parlando in maniera diretta ma al tempo stesso delicata di tematiche come l’amore e il rispetto.

Ilenia Pastorelli, il monologo ad Adrian

Non un banale monologo, ma un vero e proprio racconto di vita, quello reso ieri da Ilenia Pastorelli, che ormai si fa fatica a considerare solo come un’ex gieffina. Attrice talentuosa, la Pastorelli era già stata presente lo scorso gennaio ad Adrian, ha recitato in un monologo interrompendo la serie animata.

Ecco le parole del bellissimo monologo riprese dal buon Fabiano di BitchyF.it:

Io sono una persona, prima di essere donna, sono una persona. Le persone non hanno età e non hanno sess0. Le persone non sono piatte o formose, le persone non hanno il sedere sodo o flaccido. Le persone non si giudicano per la loro età, perché tutti noi abbiamo un cuore, un sorriso, degli occhi con cui mostriamo gli stessi sentimenti. Così come i miei amici, Giada che ha 25 anni, il mio amico Luca ne ha 50 e Maria 80. E io sto bene con loro in quanto persone.

Ilenia Pastorelli ha proseguito facendoci calare in un vero e proprio momento di vita:

E così l’altro giorno in questo bar dove lavoro è arrivato un cliente, mi ha chiesto un caffè, con me questa persona è stata molto gentile, mi ha fatto sentire felice. Così gli ho fatto un caffè, ma dire caffè non rende l’idea, perché io in quel caffè c’ho messo il sorriso che avevo, la felicità che lui mi aveva procurato. – ha continuato Ilenia Pastorelli – Quando se n’è andato mi ha detto che aveva bevuto un caffè fantastico. Perché a me un’altra cosa che mi piace fare è parlare con le persone sapere le loro storie, sapere se amano un’altra persona o meno.

Quindi la parentesi contro l’omofobia:

Ad esempio c’è il mio migliore amico che ha una storia d’amore bellissima con una persona. Loro si sono conosciuti ed è scoppiato l’amore. Lui ama davvero questa persona, tanto che tra poco si sposeranno. Purtroppo però i suoi genitori non saranno al matrimonio. Questo perché a loro non va che questa persona non sia anche una donna, ma sia un uomo. Come si può non essere felici per qualcosa di bello, per una celebrazione dell’amore tra persone? Due persone che si amano. Io però al matrimonio di queste due persone che si amano ci sarò, anche questo sarà il mio regalo per celebrare l’amore.

Solo per questo è valsa la pena guardare Adrian.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI