I Fatti Vostri e Detto Fatto chiudono? Freccero: “Potrebbero andare su Rai1!”, parla Giancarlo Magalli

04/01/2019 di Valentina Gambino

Ieri pomeriggio la conferenza stampa di Carlo Freccero, nuovo direttore di Rai2, ha aperto scenari interessanti tra cui, la probabile chiusura di pezzi da novanta come Detto Fatto ed I Fatti Vostri. Ed infatti, il giornalista ha lasciato intendere non solo che potrebbero chiudere, ma anche che si potrebbe pensare per entrambe le trasmissioni, ad un possibile trasloco sulla rete ammiraglia di Casa Rai. Naturalmente, dopo queste dichiarazioni, si sono ricercate altrove le ipotetiche conferme.

I Fatti Vostri chiude? Parla Magalli

Freccero in conferenza ha affermato: “Bisogna fare dei calcoli. Detto Fatto poteva andare su Rai1, Guardì anche. Sono programmi da Rai1. Sono fatti bene, ma sono da Rai1. Non per Rai2”. A questo punto, i colleghi di FanPage, hanno prontamente raggiunto Giancarlo Magalli, conduttore da moltissimi anni de I Fatti Vostri, programma storico diretto da Michele Guardì.

Magalli si è mostrato sereno sulla questione: “Nessuna comunicazione ufficiale, nessun commento. La Rai è padrona dei suoi palinsesti, non noi conduttori. Sono troppo amico e troppo ammiratore di Freccero per criticare i suoi eventuali orientamenti che, ripeto, per ora non sono divenuti decisioni ufficiali”, ha spiegato.

Michele Guardì diceva che…

Per il popolo di Twitter, I Fatti Vostri non chiuderà assolutamente. Ed infatti, proprio Michele Guardì durante una vecchia intervista rilasciata a Panorama, aveva affermato: “Ho visto passare 16 dg: o sono di una forza tale che ho dietro un potentissimo per ogni stagione, oppure la mia potenza è essere ostinato e non arrendermi”. Altri invece sperano di trovare la Piazza Grande di Magalli, in onda su Rai1 dal prossimo settembre 2019… vedremo che succederà!

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI