Harrison Ford ignora la torre di controllo: sfiorato l’incidente in aereo, ecco cosa è successo

29/04/2020 di Valentina Gambino

Harrison Ford

Harrison Ford ha fatto il ribelle in un piccolo aeroporto nella zona di Los Angeles, facendo letteralmente infuriare la torre di controllo. Secondo quanto scritto da Tmz, l’attore, 77 anni, era appena atterrato all’aeroporto di Hawthorne ed è passato dalla pista di atterraggio a quella di rullaggio ignorando l’ordine di fermarsi da parte di un operatore.

Harrison Ford in aereo rischia grosso e fa infuriare la torre di controllo

Per questo motivo, Harrison Ford si sarebbe trovato nelle vicinanze di un altro aereo che stava praticando delle manovre di emergenza. “Può attendere? Traffico in pista”, gli avrebbe detto la torre di controllo appena atterrato.

L’attore, invece, avrebbe accelerato attraversando la pista. Si è poi scusato dicendo di aver sentito l’esatto opposto di quanto richiesto. Anche se non c’è stato pericolo di collisione, l’incidente è attualmente sotto indagine. Sembra che, stando a quanto riferisce TMZ, Harrison Ford fosse in procinto di rinnovare e aggiornare la sua licenza in modo da poter  continuare a partecipare a operazioni di soccorso.

Nel corso degli anni, infatti, l’attore ha svolto missioni umanitarie ad Haiti, ha lavorato con l’Operazione Smile e ha contribuito a salvare alcuni escursionisti bloccati nel Wyoming. Questo “incidente” potrebbe avere contraccolpi sul rinnovo della sua licenza. Non è la prima volta che Ford si trova in situazioni di simile pericolo con il suo aereo.

Lo scorso anno l’attore è atterrato su una pista sbagliata in un altro aeroporto di Los Angeles: dopo questo nuovo “rischio” cercherà di essere più disciplinato?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

😎

Un post condiviso da Harrison Ford🔵 (@harrisonford_official_page) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI