Grande Fratello: Mauro Marin attore protagonista di un corto contro l’abuso di alcool e droghe

07/10/2010 di Emanuela Longo

Mauro Marin

La nuova edizione del reality show, padre di tutti i reality, Grande Fratello, sta per ripartire, ma intanto, Mauro Marin, trionfatore della passata edizione e beniamino di migliaia di fan fedelissimi, continua a regalare proprio a loro, numerose altre soddisfazioni.

Tante novità, per il futuro del ragazzo veneto trionfatore indiscusso del Grande Fratello, tra cui un debutto negli inediti panni di attore. Ad onor del vero, una piccolissima parte in occasione dello scherzo organizzato da Le Iene, ai danni di Valentina Melis, in seguito al suo vero malore avvenuto in diretta videochat, il Marin l’aveva già avuta, ma questa volta, farà sul serio. Per la regia di Giacomo Franciosa, infatti, Mauro sarà presente nel corto intitolato Il Sogno (no, niente a che vedere con “il Sogno”  in cui le protagoniste erano le altre due ex gieffine, Sarah Nile e Veronica Ciardi). Si tratterà di un mini film su un argomento molto importante ed allo stesso tempo delicato: le morti del sabato sera a causa dell’abuso di alcool e sostanze stupefacenti.

Mauro interpreterà Luca, ragazzo di buona famiglia e vittima di una vita fatta di eccessi, a causa dei quali, dopo una serata in discoteca, si riduce in coma in seguito ad un grave incidente stradale. il Sogno, è proprio l’angelo che Luca vedrà nel corso del suo stato di coma, interpretato da Benedetta Riccio, nelle vesti di un’infermiera che lo farà riflettere sui suoi errori. L’aiuto dell’infermiera, sarà fondamentale al suo risveglio dal coma.

Nel cast, compaiono anche Victoria Zinny e l’amico Daniele Santoianni.

Oltre al messaggio importante contenuto nel corto, Mauro Marin ha trionfato anche in occasione di un torneo di poker, organizzato da PartyPoker.it e da Francesco Totti, intitolato “Totti&Friends”, la cui vincita sarà devoluta all’Associazione Bambino Gesù Onlus.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI