Grande Fratello 11: Baroncini non è un Cavaliere di Malta; Nando latin lover

20/10/2010 di Emanuela Longo

Il primo giorno nella Casa più spiata d’Italia, è ormai trascorso, e già i nuovi coinquilini iniziano la loro conoscenza. Tra Francesca che cerca marito e Nando che ha ufficialmente indossato i panni del latin lover, quest’anno ne vedremo davvero delle belle, tant’è che alcuni inquilini, come Norma, Andrea e Cristina, pensano già a come creare tumulti tra coloro che sono già felicemente fidanzati. Me lo spiegate perché dovrebbe far divertire fare gli “sfascia-coppie”, ora?

Tra tante chiacchiere sui fidanzamenti, l’unico a cui sembra non toccare l’argomento è proprio Nando, che inizia a mettere a punto (per ora senza alcun successo), le sue tattiche di seduzione.

La salentina Francesca, invece, vorrebbe tanto metter su famiglia, e pare che un suo potenziale corteggiatore nella Casa ci sia già. Lui è il belloccio Pietro che confessa:

A me la ragazza che mi intriga di più è quella con la rosa in testa… la salentina!

Il gigolò Giuliano, invece, pare sia stato già smascherato da alcune donne della Casa, che hanno intelligentemente puntato sul meno sospettabile, azzeccandoci. Noi, in realtà, vorremmo a questo punto anche conoscere la loro immensa delusione al riguardo!

Intanto, dopo le tante anticipazioni lette prima del’avvio di questa undicesima edizione del reality, arriva una smentita, circa il presunto Cavaliere di Malta, Davide Roberto Baroncini. In una nota dell’Ufficio Comunicazioni del Sovrano Militare Ordine di Malta, infatti, viene categoricamente smentita l’appartenenza del ragazzo all’Ordine.

Nella stessa nota si legge:

Diffidiamo chiunque dall’usare impropriamente il nostro nome, e chiediamo pertanto che la trasmissione il Grande Fratello cessi immediatamente di fare riferimento all’Ordine di Malta o alla appartenenza di Davide Roberto Baroncini alla nostra Istituzione.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI