Giulia De Lellis, i tradimenti di Andrea Damante: “Ho chiamato tutte quelle con cui era stato…”

11/09/2019 di Valentina Gambino

Giulia De Lellis

Giulia De Lellis, pronta per l’uscita del suo libro “Le corna stanno bene su tutto”, rivela qualche dettaglio in più circa i tradimenti di Andrea Damante. “Le corna prima o poi capitano a tutte, allora ho pensato di mettere questa esperienza in un libro. Se può aiutare anche solo una ragazza che sta vivendo adesso quello che ho vissuto io e la sprona a lavarsi e vestirsi per uscire di casa, ne sarà valsa la pena”. È questa la mission che l’influencer si pone con il suo manuale.

Giulia De Lellis parla dei ripetuti tradimenti di Andrea Damante

Il libro di Giulia De Lellis, in uscita il 17 settembre per Mondadori, parla in un’intervista concessa al settimanale F nel numero in edicola oggi, mercoledì 11 settembre. Le corna in questione sono chiaramente quelle che le ha messo Andrea Damante. Non un solo tradimento, ma diversi: “Nel caso mio e di Andrea Damante non si è trattato solo di tradimenti fisici ma di mancanze di rispetto molto gravi sulle quali mi è stato impossibile passare sopra” spiega.

Ingenua lei o abile lui a manipolarla? “Lui molto abile. Per farla passare sotto il naso a me ce ne vuole”. Ha chiamato le donne con cui lui era stato infedele per avere dettagli di ogni singolo tradimento. Perché? “Sono un po’ masochista. Avevo bisogno di farmi del male per capire, volevo andare in fondo”. Dopo la scoperta dei tradimenti di Andrea Damante, Giulia De Lellis gli ha distrutto playstation e guardaroba.

Andrea Iannone: “Ecco come ci siamo conosciuti!”

“Ho fatto ben di peggio. Sono molto passionale, istintiva”. Tanto odio ma poi, quando lui l’ha richiamata, ci è cascata di nuovo. “Perché, soprattutto se sei stata tradita, sei costretta a smettere di amare, non è che ti si è spento il sentimento. Quindi resistere è difficilissimo. Sono riuscita a tagliare solo dopo tanto tempo. Ma non tutto il male viene per nuocere: se non ci fosse stato lui non avrei incontrato l’Andrea giusto”.

La De Lellis poi, parla proprio di Andrea Iannone, il suo attuale fidanzato di cui è follemente innamorata. “L’ho conosciuto durante una cena dove mi portò il mio ex. Eravamo entrambi fidanzati quindi ci siamo scambiati solo tre sguardi, che però ci ricordiamo bene. Lui mi aveva ‘memorizzata’, a me in realtà era risultato antipatico, forse però non volevo ammettere di esserne affascinata. Un anno dopo mi ha mandato un messaggino”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Intervistata tra le pagine del settimanale “F”, Giulia De Lellis ha parlato dei ripetuti tradimenti di Andrea Damante: “Nel caso mio e di Andrea Damante non si è trattato solo di tradimenti fisici ma di mancanze di rispetto molto gravi sulle quali mi è stato impossibile passare sopra. Lui è stato molto abile a manipolarmi. Per farla passare sotto il naso a me ce ne vuole”. Giulia ha anche confidato di aver contattato personalmente le ragazze con le quali Damante l’aveva tradita: “Sono un po’ masochista. Avevo bisogno di farmi del male per capire, volevo andare in fondo”. La De Lellis ha svelato quanto fosse stato duro quel momento: “Soprattutto se sei stata tradita, sei costretta a smettere di amare, non è che ti si è spento il sentimento. Quindi resistere è difficilissimo. Sono riuscita a tagliare solo dopo tanto tempo. Ma non tutto il male viene per nuocere: se non ci fosse stato lui non avrei incontrato l’Andrea giusto. L’ho conosciuto durante una cena dove mi portò il mio ex. Eravamo entrambi fidanzati quindi ci siamo scambiati solo tre sguardi, che però ci ricordiamo bene. Lui mi aveva “memorizzata”, a me in realtà era risultato antipatico, forse però non volevo ammettere di esserne affascinata. Un anno dopo mi ha mandato un messaggino”. Cosa ne pensate? 🔥

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI