Giulia De Lellis “cacciata” da Starbucks? Una persona presente svela l’accaduto pubblicando il video

17/11/2021 di Valentina Gambino

Giulia De Lellis cacciata da Starbucks? “Siete più animali voi del mio cane!” ha scritto l’influencer su Instagram alcune ore fa, facendo intendere di avere avuto un problema in quel di Milano.

Giulia De Lellis

Giulia De Lellis “cacciata” da Starbucks? Ecco cosa sarebbe successo

Accoglienza voto: ZERO! Animali non ammessi, ma loro sì (nel 2021, in un bar anche all’aperto). Personale all’entrata estremamente maleducato, quasi violento solo per essere entrata con un cane dando per scontato che si potesse. ROBA DA PAZZI!

In questo modo prosegue lo sfogo Instagram della celebre influencer.

Da Starbucks era presente anche il modello e influencer Gian Maria Sainato che ha vuotato il sacco via social (il VIDEO in apertura del nostro articolo):

Io entro a prendere un cappuccino da Starbucks e andavo girando per trovare posto e sedermi tranquillo. Ad un certo punto vedo Giulia De Lellis con il suo cagnolino e stava argomentando in modo acceso con la guardia che la invitava ad uscire. 

Questo è l’unico Starbucks in Europa dove non possono entrare gli animali perché c’è la torrefazione del caffè aperta, quindi senza nessuna recinzione per farla vedere come escursione, ed è l’unico motivo per cui gli animali non sono ammessi. 

In questo unico Starbucks ok? Negli altri Starbucks sì. A Giulia De Lellis era già stato detto già all’entrata che non poteva e la guardia l’ha invitata più volte ad andare fuori, lei argomenta di continuo e la guardia le ha proprio detto ‘signora, deve andare’… le regole vanno rispettate.

Che senso ha adesso andare contro il posto se ha delle regole di igiene che devi dire che il servizio è zero? Le regole vanno rispettate indipendentemente dalla tua popolarità.

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI