Giulia De Lellis

Giulia De Lellis, alcuni pezzi choc del suo libro “Le corna stanno bene su tutto” in uscita oggi

17/09/2019 di Valentina Gambino

Proprio da oggi è possibile acquistare il libro di Giulia De Lellis, “Le corna stanno bene su tutto – ma io stavo meglio senza”. Il manuale che parla delle corna di Andrea Damante è stato scritto a quattro mani insieme a Stella Pulpo, scrittrice e blogger di successo. Nel frattempo su internet sono emersi i primissimi dettagli e alcuni stralci del suo racconto, condivisi istantaneamente dal popolo del web, tra ironia e “sconvolgimento”.

Alcuni stralci del suo libro

Ecco un piccolo estratto che racconta le emozioni di Giulia dopo avere scoperto il tradimento di Andrea Damante. “Sono schifata! Quanto? Prendete gli insetti, i topi di fogna, i piedi sporchi, la puzza di sudore, i cassonetti della monnezza… Tutto ciò che fa venire più la nausea. Mettetelo insieme, sommate il disgusto al disgusto, e aggiungetene altro, in quantità. Mescolate bene, fino ad ottenere un composto di merda, e infornare a 200°, per sempre!”.

Il racconto prosegue: “Ripenso alle mattine in cui mi svegliavo al suo fianco, nel nostro letto e lo guardavo ancora addormentata, sentendomi la donna più fortunata del pianeta. Per carità, stavamo insieme da un pezzo, era routine, quotidianità, niente di eccezionale. Eppure per me ogni giorno era una sorpresa, l’assoluto stupore di essere accanto all’uomo che amavo. Peccato che quello stesso soggetto, magari fino a poche ore prima, avesse preso, toccato e baciato un altro corpo, un altro seno, un altro cu*o, scivolando con sconcertante agilità tra le cosce di un’altra. Una qualsiasi. Una che non significava niente. L’ennesima figurina in una collezione di conquiste usa e getta”.

La corna stanno bene su tutto, reazione della De Lellis dopo il tradimento

Giulia De Lellis istantaneamente è stata presa da rabbia e collera: “M’avvento sui quadri appesi al muro, li tiro giù, li sbatto contro il tavolo, le tele si strappano, le cornici si spezzano. Scaravento i souvenir dei viaggi che abbiamo fatto insieme contro la parete, ma sento che non è abbastanza. Vado in bagno e verso i suoi preziosissimi cosmetici men-care nel cesso. Ancora non sono paga. La PlayStation! La maledetta PlayStation! Finalmente ci gioco anche io… a romperla, però! Prendo la consolle e la metto sotto l’acqua corrente nella vasca. Provo un fremito di piacere ma non sono ancora sazia”.

Fino alla scelta finale: “Magicamente mi viene l’idea definitiva: i suoi vestiti! Vado in cucina, dove ca**o sono? Eccole! Le forbici. Le impugno e mi dirigo verso il suo guardaroba. Prendo i capi, uno a uno, partendo dai suoi preferiti e li riduco in brandelli. Sono completamente posseduta dallo spirito di Beyoncé. Parlo da sola. Adesso sì che sono pazza. Continuo finché non ho accumulato qualche migliaio di euro di danni sul pavimento e poi, come un palloncino che si sgonfia, mi accascio a terra, tra quelli che ormai sono solo stracci, e finalmente piango. I singhiozzi mi graffiano la gola. Le lacrime mi gonfiano gli occhi. Il viso si deforma nel dolore. Quanto posso resistere così? Quanto male posso stare, ancora? Sono una taglia 34, ca**o. Non c’è spazio in me per tutta questa disperazione”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Esce oggi il primo libro di Giulia De Lellis: “Le corna stanno bene su tutto – ma io stavo meglio senza”. Lo leggerete? 📚

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI