Giorgia Soleri non è solo la fidanzata di Damiano dei Maneskin: duro sfogo social

27/05/2021 di Emanuela Longo

Giorgia Soleri

Per parlare di vulvodinia non serve il gossip. Lo sa bene Giorgia Soleri, indignata con il settimanale “F” per via di una intervista rilasciata recentemente. La giovane influencer e modella sperava di poter finalmente raggiungere un pubblico più vasto formato da donne che non usano i social per parlare della malattia di cui soffre. Qualcosa però non sarebbe andato per il verso giusto. 

Giorgia Soleri e lo sfogo social

Nelle passate ore Giorgia Soleri si è sfogata attraverso le sue Instagram Stories, ancora sconvolta per l’accaduto e per essersi ritrovata in una situazione inaspettata. La giovane ha esordito:

Poteva essere un ottimo modo per raggiungere più persone possibili e fare in modo che più persone potessero avere una diagnosi o aiutare qualcuno ad averla…

Ma cosa è successo? A spiegarlo è stata la stessa Giorgia la quale mostrando anche una mail scambiata con la giornalista del settimanale ha svelato come prima di concedere l’intervista l’unica condizione che aveva posto è che non ci fossero i classici titoloni legati al gossip o al fatto che sia la fidanzata di Damiano dei Maneskin:

Condizione che mi è stata accordata, anche perché altrimenti non avrei fatto l’intervista.

Peccato però che in copertina su “F” si sarebbe ritrovato il titolo: “Io, fidanzata di Damiano dei Maneskin, e il dolore di cui nessuno parla”. Quindi ha proseguito nel suo sfogo:

Oltretutto come se fossi io a dirlo in prima persona, perché io parlo di me stessa definendomi la fidanzata di. NORMALE, LOGICO NO? […] Nonostante io abbia spiegato più volte che sono molto migliorata e che ho avuto poi delle diagnosi successive che son quelle che mi stan facendo soffrire, il titolo vendi-copie è stato L’AMORE MI FA MALE, come se il problema della vulvodinia fosse non poter avere rapporti.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI