GF Vip, Adriana Volpe choc: “in Rai firmavo un contratto: ecco cosa prevedeva in caso di gravidanza”

16/01/2020 di Emanuela Longo

GF Vip, Adriana Volpe contro la Rai

Ieri sera Antonella Elia ha commentato in diretta al Grande Fratello Vip il grande rammarico per non essere diventata madre, confermando di essere ormai troppo grande per avere dei figli. Affermazioni, le sue, che hanno commosso molto Alfonso Signorini ma anche alcuni concorrenti e compagni di avventura. Ad intervenire è stata anche Adriana Volpe che pensando alle difficoltà incontrate nell’avere la piccola Giselle ha rilasciato alcune dichiarazioni choc, con un attacco implicito alla sua ex azienda Rai in cui ha lavorato per anni.

GF Vip, Adriana Volpe contro la Rai

Adriana Volpe ha così rivelato un aspetto ignoto di ciò che avveniva in Rai, almeno fino a pochi anni fa e legato alle sue dipendenti donne, asserendo senza mezzi termini ed incalzata da Alfonso Signorini:

Sul lavoro non ti aiutano ad essere madre, perchè fino al 2011 io firmavo sempre un contratto dove c’era scritto che in caso di gravidanza l’artista deve dare immediata comunicazione all’azienda e l’azienda può recidere il contratto, nulla sarà dato e nulla sarà dovuto.

Il padrone di casa ha puntualizzato: “parliamo della Rai”. La Volpe ha quindi proseguito:

In tutti i contratti ogni anno che andavo a firmare, io chiedevo di cambiare quella clausola, non vi era alcuna altra interpretazione. Una donna che poteva contare su un lavoro di 9 mesi se fosse rimasta incinta al terzo mese di gravidanza c’era questa probabilità. L’unico modo per far cambiare le cose, ho capito che era quello di far parlare i giornali.

La commozione di Wanda Nara per Antonella Elia

Le parole di Antonella Elia hanno colpito molto anche l’opinionista Wanda Nara che dallo studio ha commentato:

Io sono stata mamma e ho divorziato con 3 bambini piccolini e ho dovuto lavorare nel mondo artistico in Argentina portando con me i miei bambini. Io ho 5 figli e non voglio che nessun uomo abbia il diritto di darmi o non darmi. La responsabilità ce l’ho io, ho scelto di essere mamma a 26 anni e porterò avanti questa responsabilità.

Poi rivolgendosi alla Elia ha chiosato:

Sei piena di energia e per diventare mamma non c’è età. Ti auguro di essere madre in qualunque maniera lo desideri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il più grande rimpianto di Antonella Elia ❤️

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI