Formula 1, calendario GP: prime 8 gare in Europa, c’è anche Monza

02/06/2020 di Emanuela Longo

Formula 1

Dopo aver visto il nuovo calendario 2020 della Serie A, in ripartenza dopo lo stop causato dall’emergenza Coronavirus, è già tempo di Formula 1. La competizione amatissima che vede scendere in pista le monoposto, sta per tornare con le prime 8 gare che si correranno in Europa, rigorosamente a porte chiuse. Si riparte tra poco più di un mese, esattamente il 5 luglio con un protocollo severissimo per la sicurezza di tutti. Tra le gare in programma ci sarà anche Monza il prossimo 6 settembre. Nelle prossime settimane saranno fissate le altre date in base all’evolversi della pandemia. L’obiettivo della F1 sarà quello di disputare un campionato da 15-18 GP con conclusione quasi certa ad Abu Dhabi a metà dicembre. Accanto alla F1, anche la F2 e la F3.

Formula 1, calendario GP: i primi 8

È arrivato dall’Australia il sì ai primi due GF di Formula 1 in programma il 5 ed il 12 luglio, entrambi al Red Bull Ring, in Stiria. Il 19 luglio il circus di F1 in Ungheria, mentre Londra dopo l’allentamento delle misure sulla quarantena per chi arriva da fuori ha assicurato la doppietta di Silverstone (2 e 9 agosto). Il 16 agosto si recupererà il GP di Spagna a Barcellona, il 30 si disputerà quello del Belgio a Spa. Infine il 6 settembre sarà la volta di Monza, ovviamente senza pubblico.

Con il GP di Singapore ormai in fase di annullamento e altri luoghi a rischio (Sochi, Baku) si apre la prospettiva di una seconda gara in Italia da metà settembre in poi. Il Mugello sembra avere più possibilità di Imola. Ma i colloqui procedono anche con diversi autodromi stranieri: Germania (Hockenheim, Portogallo).

Ecco il calendario con la prima parte delle gare per il 2020:

5 luglio Austria

12 luglio Austria

19 luglio Ungheria

2 agosto: Inghilterra

9 agosto: Inghilterra

16 agosto: Spagna

30 agosto: Belgio

6 settembre: Italia

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI