Flavio Briatore ha il Coronavirus, come sta? “Ricovero a pagamento e non nel reparto Covid”

25/08/2020 di Emanuela Longo

Flavio Briatore

Flavio Briatore si trova ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano dopo aver contratto il Coronavirus e le sue condizioni sarebbero “serie”. Lo ha rivelato in esclusiva questa mattina L’Espresso e la notizia sarebbe stata confermata anche al Fatto Quotidiano online da fonti ospedaliere. Il ricovero sarebbe avvenuto tra domenica e lunedì ma Briatore non sarebbe in terapia intensiva.

Flavio Briatore ha il Coronavirus: come sta

Dopo essere stato sottoposto a una tac per sintomi da polmonite, Flavio Briatore avrebbe scelto di essere ricoverato nel reparto “solventi” ovvero a pagamento:

Il settimanale romano parla di polemiche interne alla struttura e fa notare che non si tratta dell’area attrezzata per ospitare pazienti Covid. Una situazione confermata anche al Fatto.it.

Intanto sempre il Fatto rivela il contenuto della nota dello staff che in merito alle condizioni di salute dell’imprenditore afferma che “sono assolutamente stabili e buone” e Briatore ci tiene “a ringraziare per le tante manifestazioni di affetto e interesse alla sua salute ricevute in queste ore”.

I primi sintomi

Secondo quanto riferito dalla nota, tutto sarebbe iniziato nel fine settimana scorso quando Briatore ha accusato “leggera febbre e sintomi di spossatezza”. Quindi si è recato nella struttura “per un controllo” e qui “è stato ricoverato, è stato sottoposto a un check up generale e resta sotto controllo medico”.

Stando alle indiscrezioni dopo il suo arrivo in ospedale Briatore non è stato ricoverato in terapia intensiva ma non si troverebbe neppure in un reparto Covid:

Una decisione che, riferisce L’Espresso, starebbe alimentando polemiche interne e dubbi tra i dipendenti, preoccupati dal fatto che un positivo possa trovarsi in un reparto non attrezzato in modo adeguato. Fonti del San Raffaele confermano al Fatto.it che Briatore si trova effettivamente nel reparto solventi, dotato di ogni comfort e a cui si può accedere solo a pagamento. Le stanze, spiegano, si trovano nella sede principale di via Olgettina e sono costruite a moduli. Una conformazione che, almeno sulla carta, impedirebbe la diffusione del virus in altri reparti.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI