“Due Vipponi mi hanno chiesto di fingere un flirt”, Giovanni Ciacci dopo il GF Vip scopre gli altarini

18/01/2023 di Emanuela Longo

Giovanni Ciacci

L’esperienza al GF Vip per Giovanni Ciacci si è rivelata tutt’altro che memorabile. Il troppo poco tempo trascorso nel reality, e soprattutto le conseguenze del caso Marco Bellavia avute anche sul suo percorso, hanno portato l’ex Vippone a vivere un momento molto complesso della sua vita. 

Giovanni Ciacci dopo il GF Vip: i retroscena

Ciacci, con la sua storia di vita, avrebbe dovuto contribuire a portare un messaggio positivo nella Casa, ma tutto alla fine sarebbe stato oscurato dai fatti che sono successi nel corso della sua permanenza. Oggi si racconta tra le pagine del settimanale Nuovo Tv, ed a quanto pare Giovanni Ciacci non starebbe particolarmente in forma:

Ho avuto brutti pensieri. Le analisi sono sballate, sto male, non dormo, ho attacchi di panico, vado dallo psichiatra. La mia situazione è molto delicata. Perché devo pagare un prezzo così alto? Non ho fatto male a nessuno.

La poca solidarietà ricevuta da parte di altri personaggi del mondo dello spettacolo ha certamente contribuito ad alimentare il suo malessere. Pochi i nomi di coloro che gli sono stati vicini: Alfonso Signorini, Raimondo Todaro, Valeria Marini, Caterina Balivo, Manila Nazzaro. Tutti gli altri volti noti che giravano attorno al 51enne, sarebbero a suo dire spariti nel nulla. Neppure un messaggio. 

Ciacci ha approfittato dell’intervista al noto settimanale per replicare a Simona Ventura la quale dopo la sua eliminazione dal GF Vip aveva detto: “Si è fatto riconoscere”. “Con lei non ho mai lavorato, che cosa conoscerebbe di me?”, ha commentato l’ex Vippone. 

Ed a proposito della breve esperienza al Grande Fratello Vip, ha voluto chiosare svelando con un retroscena inedito:

Due concorrenti mi hanno addirittura chiesto di fingere un flirt per avere visibilità, ma io non sono uno da storie finte. A parte Carolina Marconi, Patrizia Rossetti e Luca Salatino, gli altri mi consideravano un privilegiato. Come se essere sieropositivo fosse un vantaggio!

Chi avrebbe mai voluto avere una storia fake nella Casa?

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI