Finale Grande Fratello Vip, concorrenti hanno paura di uscire: “sarà un altro mondo!”

07/04/2020 di Emanuela Longo

Grande Fratello Vip

Ad un soffio dalla finale del Grande Fratello Vip, i concorrenti ancora in gara nelle ultime ore si sono confrontati su quello che li attende una volta fuori dalla Casa più spiata d’Italia e la conclusione è stata comune a tutti: paura. Proprio così: tutti i Vip hanno espresso il timore di scontrarsi molto presto con un mondo che non conoscono, ovvero quello che da un mese è totalmente cambiato a causa dell’emergenza Coronavirus. Preoccupazioni più che legittime e che, a 24 ore dalla finale, sono ormai inevitabili.

Finale Grande Fratello Vip: concorrenti spaventati

Ritrovatosi in giardino per uno degli ultimi pranzi insieme all’aperto, i concorrenti del Grande Fratello Vip pronti ormai a gustarsi le fasi della finale che inevitabilmente sarà diversa da quella che avevano immaginato qualche mese fa.

Sembrava così lontano questo giorno. Fuori deve esserci un altro mondo. C’è molta preoccupazione per quando riprenderemo coscienza con la realtà.

Così Patrick ha commentato la sua paura per quello che lo attende a breve. E con lui anche i suoi compagni hanno espresso le medesime perplessità. Paolo Ciavarro, anche alla luce di quello che gli ha detto il padre, ha commentato:

Non ‘deve esserci’ un altro mondo, è un altro mondo […] Mi ha detto ‘Preparati perché troverai un mondo che non conosci.’ Capisci che uno non si può abbracciare?

Timori espressi anche da Paola Di Benedetto e da Antonella Elia. La prima ha commentato:

Secondo me appena usciamo ci prendiamo una batosta, e secondo me ci mancherà pure questa casa, questo giardino, questa sauna.

A farle eco si è aggiunta la ex valletta di Mike Bongiorno, che ha aggiunto:

Noi qui abbiamo vissuto in modo privilegiato come in una bolla di sapone. Abbiamo guardato da lontano una tragedia, quindi fa paura l’idea di uscire e di entrare in questa tragedia.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI