Figlio di Selvaggia Lucarelli contesta Salvini: “Il suo governo omofobo e razzista”, Leon identificato dalla Polizia

05/07/2020 di Valentina Gambino

Figlio di Selvaggia Lucarelli contesta Salvini

Leon Pappalardo, figlio di Selvaggia Lucarelli è stato identificato dalla Polizia perché, avvicinandosi pacificamente a Matteo Salvini, gli ha fatto presente cosa ne pensa del suo governo e della sua linea politica in visita a Milano nella giornata odierna.

Figlio di Selvaggia Lucarelli contesta Salvini: “Il suo governo omofobo e razzista”

Volevo ringraziarla per il suo Governo omofobo e razzista. Si, dai, anche un po’ fascista. Lei vuole il male delle persone che arrivano da altre nazioni.

Dopo lo scambio di battute con Matteo Salvini, il 15enne è tornato dalla madre ed è stato raggiunto dalla polizia, a cui ha fornito le sue generalità:

Mi hanno fermato così, senza alcun tipo di insulto personale, attacco o parolaccia, ho detto la mia opinione, ho detto che molte persone della comunità di colore non lo sopportano per il suo comportamento razzista, mi hanno provato a cacciare e adesso mi ha fermato la polizia. Non c’è libertà di espressione, sono stato fermato prima dalle guardie del corpo e poi dalla polizia, è una cosa ridicola.

Selvaggia Lucarelli, successivamente, ha chiesto a Salvini il motivo per il quale non stesse indossando la mascherina durante il dibattito coi giornalisti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Entriamo nei negozi con le mascherine, nei ristoranti, nei supermercati, negli uffici pubblici, sui mezzi di trasporto pubblici con le mascherine. O con i guanti, o disinfettandoci, facendoci misurare la febbre. Abbiamo rinunciato ad abbracciare persone a cui vogliamo bene e a salutare con un bacio o una stretta di mano. Sappiamo che dopo l’incubo, tutto questo è un sacrificio e un compromesso accettabile. Abbiamo imparato, forse, a pensare al bene della comunità. Ma non abbiamo dimenticato le rsa, i nostri nonni, gli anziani nelle bare, portati via dall’esercito. Poi arriva lui che se ne strafotte di tutto, dei lutti ancora giovani e dei rischi che sono ancora e soprattutto lì, in ogni abbraccio imprudente e non necessario. Il tutto a favore di telecamera, perché ovviamente sta lanciando un messaggio di anarchia imbecille. E se penso che i mei sacrifici sono resi vani da Matteo Salvini e da chi impara da lui, mi sale un’incazzatura che potrei far riacquistare diffusione e virulenza non solo al Coronavirus, ma pure alla peste nera. Irresponsabile e bifolco.

Un post condiviso da Selvaggia Lucarelli (@selvaggialucarelli) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI