Festival di Sanremo 2020: la prima foto della scenografia firmata da Gaetano Castelli

13/01/2020 di Emanuela Longo

Festival di Sanremo 2020, la scenografia

Festival di Sanremo 2020: non solo cantanti in gara e possibili ospiti pronti ad alternarsi sul palco dell’Ariston. Il quotidiano Il Secolo XIX nelle passate ore ha svelato in anteprima anche la scenografia della settantesima edizione della kermesse musicale targata Amadeus, mostrando la prima foto (in apertura) in anteprima. Ad apporre la firma, ancora una volta sarà Gaetano Castelli, il quale mancava dal Festival dal 2012. Ma come sarà la scenografia di Sanremo 2020? Secondo il quotidiano si tratterà di una scenografia molto tecnologica.

Festival di Sanremo 2020 e l’assegnazione dei biglietti omaggio

Non solo la scenografia però. Ciò che attrae l’attenzione in questo momento è la caccia ai biglietti omaggio riservati al Comune, tema avvolto sempre da tanto mistero ma al tempo stesso numerose polemiche sui criteri di assegnazione. Ma quanti sono i fatidici biglietti disponibili?

La risposta – spiega sempre Il Secolo XIX – risiede nella convenzione triennale che scadrà proprio con questo Festival in attesa del rinnovo e che regola i rapporti tra Rai e Palazzo Bellevue. Secondo la convenzione, al Comune andrebbero il 15% dei posti utili in platea (il 16% per la serata finale) e il 20% di quelli in galleria, al netto delle esigenze della Rai.

Tuttavia, con la scenografia e quindi l’estensione del palco, elimina ogni anno le prime dieci file della platea (quasi 400 poltrone), occupa altri spazi con le varie postazioni di telecamere, e riserva un certo numero di poltrone a suoi ospiti. Ciò significa che, di fatto, i posti a disposizione da 1900 scendono a 1200-1300 di cui 700 in platea e 600 in galleria, con la prima fila occupata dai fotografi e altre poltrone riservate ai giornalisti.

Al Comune andrebbero quindi 116 biglietti omaggio a serata in galleria e circa 105 (o qualcuno in più per la finalissima) in platea. Questi saranno distribuiti a soggetti istituzionali. I nomi dei beneficiari dovranno essere comunicati dal Comune alla Rai entro martedì. Ma tra i biglietti non mancano quelli tenuti per gli ospiti dell’ultimo minuto o per cittadini con una storia particolare.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI