Festival di Sanremo 2015, i Testi: Biggio e Mandelli con “Vita d’inferno”

11/02/2015 di Emanuela Longo

Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli, conosciuti ai più per aver indossato i panni de I Soliti Idioti, saliranno per la prima volta sul palco dell’Ariston in occasione del Festival di Sanremo 2015 in qualità di cantanti. Nonostante questo, il duo insieme al 2000 non si ritiene affatto alle prime armi in fatto di musica, avendo pubblicato già due album, uno nel 2002 relativo alla trasmissione Mtv Mad e successivamente uno come I soliti idioti. Mandelli, in realtà, la musica ce l’ha nel sangue avendo preso parte anni fa della band degli Orange. Tolti i panni de I soliti idioti, il duo Biggio e Mandelli si presenta in panni inediti. Ecco la loro scheda ed il testo della canzone “Vita d’inferno” che porteranno a Sanremo 2015.

Biggio e Mandelli a Sanremo 2015: il testo di “Vita d’inferno”

L’idea di partecipare a Sanremo, Biggio e Mandelli dichiarano di averla nutrita già da qualche anno, esattamente nel 2011, durante il Festival condotto da Gianni Morandi, quando il duo si presentò in qualità di ospite e nei panni di Fabio & Fabio. “Volevamo tornare qui in gara con un progetto nuovo” – ha dichiarato sul settimanale Tv, Sorrisi e Canzoni Fabrizio Biggio – “Non pubblicheremo un album ma solo alcune canzoni online si iTunes. Sarà un progetto multimediale…”.

Cosa raccontano in merito al brano dal titolo “Vita d’infero” che presenteranno nel corso di Sanremo 2015? Spiegano: “Parla dell’inferno, ma non quello dell’aldilà: quello che viviamo sulla Terra tutti i giorni. L’arrangiamento è tipico della tradizione italiana e ironizza sul modo in cui viene fatta solitamente. Porteremo la canzone sul palco come un vero spettacolo”, anticipano. Nella serata del giovedì dedicata alle cover, infine, porteranno il brano “E la vita, la vita” e con loro sul palco ci saranno anche Cochi e Renato.

A seguire, ecco il testo di “Vita d’inferno”, la canzone che Biggio e Mandelli porteranno a Sanremo 2015.

Vita d’inferno

Lasciatemi vi prego lamentare
Di questa vita infame ingenerosa
È un cumulo continuo di fatiche
Di stress e patimenti senza posa
Ho comperato un tablet col wi­fi
La connessione non funziona mai
E all’ora della Champions League
Mio figlio vuol vedere Peppa Pig
In cerca d’un parcheggio
Ho perso un pomeriggio
La sera al ristorante
M’han lasciato in mutande
Ed al mattino…
Mi sveglio e m’han fregato il motorino

Vita d’inferno
Fortuna che non dura che in eterno
Vita d’inferno
Se lo sapevo prima rimanevo dentro l’utero materno
Vita d’inferno
Si soffre sia d’estate che d’inverno
Vita d’inferno

Ho voglia di morire e andare a dire due parole al Padreterno
È vero che c’è sempre chi sta peggio
Chi affoga proprio mentre io galleggio
Ma non è poi così rassicurante
Se quel che affoga era il tuo galleggiante
Mio cugino pensa stamattina
Ha portato l’auto in officina
Per sostituire il faro posteriore
Gli han cambiato tutti i pezzi del motore
La vita è un’avventura misteriosa
Bizzarra sorprendente capricciosa
L’essere umano è un dono del creato
Ancora di più se penso che son nato
E che son vivo…
Per la rottura d’un preservativo

Vita d’inferno
Fortuna che non dura che in eterno
Vita d’inferno
Se lo sapevo prima rimanevo dentro l’utero materno
Vita d’inferno
Se piove è sempre colpa del governo
Vita d’inferno
Si soffre come ai tempi degli antichi ma in un modo più moderno
Sono milioni di milioni tutte le generazioni
Che han vissuto nonostante il giramento di…
Convincendosi che il giorno della fine dell’inferno arriverà…
Sono milioni di milioni tutte le generazioni
Che han vissuto nonostante il giramento di…
Convincendosi che il giorno della fine dell’inferno arriverà…

Fonte | Tv Sorrisi e Canzoni

>>TUTTI I TESTI DI SANREMO 2015<<

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI