Festival di Sanremo 2013, Fabio Fazio dice di no ai minorenni e alla scelta dei giovani “con criteri televisivi”

09/09/2012 di Francesca Tordo

Fabio Fazio sembra avere ben chiare le idee su come vorrebbe che fosse il suo nuovo Festival di Sanremo 2013, del quale sarà conduttore e direttore artistico. Dopo aver già anticipato quelle che saranno le rivoluzioni introdotte nell’ambito della manifestazione canora più importante del nostro Paese, nel corso di alcune sue recenti dichiarazioni alla stampa ha voluto sottolineare altri aspetti salienti del nuovo Festival, tra cui la partecipazione dei minorenni.

In merito, infatti, Fazio si è dimostrato totalmente contrario alla loro partecipazione, asserendo in merito: “Il mio desiderio è che non ci siano minorenni tra i cantanti”, aggiungendo poi “I minorenni restino a studiare”. Relativamente ai 14 cantanti Big, ha poi ricordato come tutti arriveranno in finale senza quindi alcuna eliminazione, in segno di rispetto nei confronti della musica e di chi la fa; ciascun Big, inoltre, dovrà presentare ben due brani che saranno giudicati dal pubblico da casa e dalla giuria e, probabilmente anche dalla sala stampa.

Il gioco comincia con la prima esecuzione dei Big il martedì e il mercoledì, poi si vota sulle due canzoni e da giovedì si ascolterà solo la canzone selezionata per il Festival,

ha sottolineato ancora Fazio. Infine, in merito al gruppo di lavoro ha asserito:

Sto cercando un direttore musicale soprattutto per la scelta dei giovani: vorrei una fotografia abbastanza esauriente della musica contemporanea italiana, non una scelta con criteri televisivi.

Avrà quindi ragione l’ex concorrente di Amici, Pierdavide Carone, a temere di essere snobbato dal conduttore del prossimo Sanremo solo perchè proveniente da un talent?

Appassionata del gossip italiano e non solo. Mi piace scrivere di fiction e anticipazioni Tv.

COMMENTI