Fedez parla di J-Ax: “Una liberazione…”, si volta pagina con l’omaggio a Robert Miles

11/06/2020 di Valentina Gambino

Fedez e J-Ax

L’1 giugno del 2018 Fedez e J-Ax hanno tenuto un concerto a San Siro per chiudere il sodalizio artistico che li aveva visti realizzare un disco di estremo successo come Comunisti col Rolex. Quella sera però ha segnato anche la fine della loro amicizia.

Fedez parla ancora di J-Ax: “Una liberazione…”

L’evento musicale avvenuto nel tempio del calcio è stato accompagnato da dolorosi accadimenti che hanno ferito Fedez nel profondo. Il rapper però, forse per esorcizzare e gettarsi tutto alle spalle, ha deciso di parlarne. Intervistato da Repubblica l’artista ha confessato:

Sono finalmente riuscito a rivedere in tv il nostro concerto a San Siro di due anni fa, e senza che mi facesse male pensare a quel giorno. Una liberazione.

Nei mesi successivi a quell’evento, infatti, Fedez aveva più volte evitato di raccontare cosa fosse realmente accaduto, ed aveva sempre glissato sui motivi che avevano portato a rompere professionalmente e umanamente con J-Ax, fino a quando intervistato da Peter Gomez si era sbottonato sulla questione rivelando presunte macchinazioni alle sue spalle da parte di coloro che pensava fossero non solo colleghi, ma soprattutto amici (Fabio Rovazzi incluso).

Il nuovo singolo “Bimbi per strada (Children)”, l’omaggio a Robert Miles

Adesso che un po’ di tempo è passato, il trauma sembra essere superato (o quasi) anche grazie all’aiuto di professionisti. Fedez, proprio oggi, è tornato alla musica con “Bimbi per strada (Children)”, il nuovo singolo che rappresenta un omaggio a Robert Miles e la musica degli anni ’90 (cliccare per credere).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

BIMBI PER STRADA (Children) è fuori ovunque! 💖

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI