Fabrizio Corona choc: “Morirò ammazzato! Belen Rodriguez e Nina Moric? Non le ho mai amate…”

14/11/2020 di Valentina Gambino

Fabrizio Corona, Belen Rodriguez e Nina Moric

Fabrizio Corona intervistato dal Corriere della Sera, si racconta senza filtri, svelando una sua brutta sensazione. Poi parla anche di Belen Rodriguez e Nina Moric, confidando di non averle mai amate nonostante la seconda gli abbia regalato la gioia di diventare padre di Carlos Maria.

Fabrizio Corona choc: “Morirò ammazzato! Belen e la Moric? Mai amate”

Fabrizio Corona ha raccontato alla giornalista Candida Morvillo del presunto omicidio organizzato da un paio di albanesi arrivati nel suo ufficio per un regolamento di conti:

Un tale mi dice che c’è uno pesante di una famiglia balorda che mi vuole parlare. Mi dice: sono venuti due albanesi per comprare una pistola e noi, prima di vendere una pistola, vogliamo sapere a che servirà. A che serviva? A spararmi. Immagino a gambizzarmi. Io penso che morirò ammazzato.

Ho fatto sei anni di carcere, anche in quelli di criminali efferati, gente di cui ho dovuto essere amico per salvare la pelle e che, quando escono, sanno dove trovarmi. Ora, magari arrivano e dicono: prestami diecimila euro. E io: ‘sto cavolo. E questa è gente che se la prende. Tanti mi vorrebbero morto.

E su Belen Rodriguez e Nina Moric svela:

Sono progetti anche gli amori. Confondi le cose. Ti innamori degli altri che si innamorano della tua storia. Io, più Belen Rodriguez o Nina Moric diventavano famose, più le amavo. Ma ora so che non era vero amore. Se ami, non potresti fare quello che fai alle persone con cui stai. Tipo ho venduto le foto di me e Belen che facevamo l’amore alle Maldive e ho finto di cercare, disperato, chi aveva osato scattarle.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI