Eva Henger, nuove rivelazioni choc su Mercedesz e Lucas Peracchi: insulti e annuncio porn*

11/10/2019 di Valentina Gambino

Eva Henger, Mercedesz e Lucas Peracchi

Eva Henger ha nuovamente detto la sua sulla figlia Mercedesz e la complicata relazione d’amore con Lucas Peracchi. Questa volta, ha scelto le pagine di Spy, raccontando anche alcuni retroscena e dettagli inediti sulla spinosa questione.

Eva Henger, nuovi dettagli sulla relazione tra Mercedesz e Lucas

Eva Henger si è raccontata tra le pagine di Spy, svelando che all’inizio Lucas Peracchi si comportava bene ed era anche molto educato. Poi qualcosa è cambiato e dopo due mesi avrebbe picchiato Mercedesz, rompendole pure il telefono e lasciandola per strada:

Mercedesz, dopo quel primo strappo, mi chiamò in lacrime e io le dissi di lasciare Lucas, quello non era amore. Ma il giorno dopo già lo giustificava, dicendo che lo avrebbe perdonato perché era pentito. I violenti sono sempre così, prima ti picchiano e poi si pentono: sarebbe meglio che non lo facessero proprio. Sono venuti insieme a trovarci in Ungheria, e Lucas ha chiesto scusa a tutta la mia famiglia. Continuavano a litigare anche quando andava tutto bene, Lucas doveva fare casino perché deve sfogare la sua rabbia.

Durante questi mesi, Mercedesz Henger e Lucas Peracchi si sarebbero lasciati e presi numerose volte. Le botte però, sono sempre andate avanti ed Eva ha deciso di parlare con lui, consigliandogli di essere meno infantile:

Non lo avessi mai fatto! Ha cominciato a insultarmi sui social senza nominarmi, voleva a tutti i costi una mia reazione per creare un caso mediatico e finire in tv e sui giornali. Mi ha mandato un messaggio molto violento su Whatsapp e, a quel punto, ho chiamato Mercedesz. “Perdonalo”, mi ha pregato lei, ma da lui non ho mai ricevuto scuse, anzi, ha detto che ero io a dovermi scusare. Dopo quel diverbio mia figlia è sparita. Temo costretta da Lucas.

Retroscena choc: gesti inconsulti e annuncio porn*

Dopo essersi inventato di essere stato tradito da Mercedesz, Lucas è scappato minacciando gesti di autolesionismo. Eva Henger ha tranquillizzato la figlia ma poi non l’ha più sentita perché il suo numero sarebbe stato diffuso su internet correlato ad un annuncio porn*.

In ultimo Eva, racconta le sensazioni vissute dopo avere visto Mercedesz in panico nel corso di Domenica Live (cliccate qui per leggere cosa è accaduto) della scorsa settimana:

Mi dispiace vederla in difficoltà, sembrava che avesse paura di sbagliare a pronunciare le parole di Lucas. Lui l’ha allontanata da tutti, l’ultima frase che mia figlia mi ha detto al telefono è stata: “Mamma ti amo”.

Preferirei che Mercedesz si allontanasse da lui, ma visto che è innamorata so che non succederà. In ogni caso ho fatto bene a sollevare il problema perché ora Lucas si sente gli occhi puntati addosso e, per un po’, non può sbagliare.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

“Ogni tanto litighiamo, ma questa proprio non me l’aspettavo”, ha esordito Mercedesz Henger a Novella 2000. “Sono rimasta delusa da quello che ha detto: è vero che non rispondo ai suoi messaggi, non ho Whatsapp, lei lo sa, e di telefonate da lei non ne ho ricevute, non mi ha chiamato al telefono”. “Lucas ha sbagliato a dire cose che potrebbero essere offensive e per questo è stato ripreso, da me e dai suoi genitori. Ha chiesto scusa. Qui si sta facendo un caso di Stato da niente”, ha aggiunto la ragazza. “Lei è una donna intelligente, questo lo sanno tutti e si vede, ma ha un piccolo difetto: quando si arrabbia scatena l’inferno. Sarebbe bastato che mi avesse chiamata per chiarirci, invece che pubblicare storie. Mi pare che mia mamma mi stia dando un ultimatum: ‘O me o lui’. Lucas invece non ha mai provato a mettermi contro mia mamma”, ha concluso difendendo a spada tratta il suo fidanzato.

Un post condiviso da Blogtivvu.com – Gossip e TV (@blogtivvu_com) in data:

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI