Enrica Maria Saraniti, concorrente del Grande Fratello 12 – FOTO

01/11/2011 di Emanuela Longo

Enrica Maria Saraniti, da ieri sera è ufficialmente una dei nuovi concorrenti del reality show di Canale 5, Grande Fratello 12. Classe 1988, siciliana, Enrica si è trasferita a Milano dove sta per laurearsi in Scienze e tecniche psicologiche. Proprio grazie al suo futuro titolo di studi, ieri è stato possibile realizzare una gag che ha visto protagonisti nella puntata in diretta, tre dei ragazzi della Casa, che si sono sottoposti per l’occasione ad una sorta di analisi di gruppo. In particolare Rudolf, ha dimostrato sin da subito un certo interesse nei confronti della nuova inquilina, che a quanto pare dovrà vedersela con le altre donne della Casa, anche loro interessate al bel rugbista.

Sulla sua scheda ufficiale, pubblicata sul sito della trasmissione, è possibile sapere qualcosa in più sul suo conto: come scrivevamo, Enrica ha abbandonato la sua amata Sicilia per trasferirsi, quattro anni fa, nel capoluogo lombardo: “A Milano ho trovato la mia dimensione, mi sento viva quando vivevo a Bronte mi sentivo spesso additata per le mie scelte, ricevevo commenti cattivi da ragazze invidiose e venivo discriminata dai professori”, racconta la ragazza.

Ha deciso di partecipare al Grande Fratello, “perché mi serve un’esperienza forte e che mi allontani dalla realtà, per capire cosa tenere e cosa custodire della mia vita”.

Al di là della scheda ufficiale presente sul sito del reality, ne esiste poi un’altra, facilmente rintracciabile sui vari siti che trattano argomenti prettamente televisivi, nella quale si parla del lavoro di modella della neo gieffina e del suo lungo curriculum televisivo; Enrica ha infatti partecipato a Veline, Modeland, Miss Muretto.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI