Emma Marrone con “Sarò Libera” – Video e Testo. In arrivo le prime ospitate Tv

02/09/2011 di Emanuela Longo

Il suo talento straordinario nell’ambito della musica nostrana, l’ex vincitrice di Amici 9, Emma Marrone, era riuscita già a dimostrarcelo in diverse occasioni, non solo sul palcoscenico del talent di Canale 5, ma anche su quello dell’ultima edizione di Sanremo e dei numerosissimi live che l’hanno finora portata in giro per tutta Italia. Un talento certamente che non si ferma alla sola musica ma che ha dimostrato di andare ben oltre, anche sul piano prettamente umano, dando prova, a dispetto delle tante critiche, di avere una testa pensante e di non essere un mero prodotto televisivo, creato ad hoc per un pubblico di soli ragazzini scalmanati.

Ora Emma è cresciuta, tra pagine di gossip spesso mal digerite (sono state numerose le sue rappresaglie in difesa della sua privacy) e continui successi professionali che l’hanno portata fino ad oggi, giorno d’uscita del suo nuovo singolo dal titolo Sarò Libera, accompagnato dal videoclip e che dà il titolo all’intero nuovo album in uscita il prossimo 20 settembre e contenente in tutto 13 nuovi brani, sotto etichetta Universal Music. Un video essenziale ma che coglie ogni piccola sfumatura dell’artista, unica protagonista, lasciando il posto alle emozioni trasmesse dal suo ultimo lavoro.

Già da alcune settimane, una piccola anteprima del primo singolo estratto del futuro nuovo album, avevamo avuto modo di ascoltarla nel promo della nuova stagione della trasmissione di Maria De Filippi, C’è posta per te, in partenza su Canale 5 dal 17 settembre. Proprio in quella occasione, è prevista l’ospitata televisiva della giovane cantante salentina, la quale di recente è stata protagonista anche sul set della pellicola Benvenuti al Nord, dove Emma avrà un piccolo cameo, oltre che essere l’interprete della colonna sonora del film.

A seguire, il video ed il testo di Sarò Libera.

 

E mentre scendono lacrime
e sento freddo senza averti qui,
e poi mi sento un po’ strana e mi trema la mano,
mi manca l’aria se tu non sei qui.
e pensandoci bene sai,
questa canzone mi parla di te,
e come emozione mi stringe le vene
e ferma il sangue e sai perché?

Era bello mentre i nostri occhi piano si seguivano,
quasi intimiditi dallo specchio che temevano.
Era dolce il modo in cui piangevi quella sera,
ti avrei stretto forte forte e sai che non si poteva.
E sarò libera di poterti dire
e sarò sempre amore magico,
sarà poter volare senza mai cadere
e prenderti per mano e convincerti a soffrire,
perché ogni cosa bella ti fa sempre stare male.
E poi baciarti ogni notte
proprio come le zanzare,
e cercare le tue mani sempre
quando nasce il sole..
e dimostrarti che per niente al mondo ti farei soffrire
perché tu sei cosa bella e non meriti del male.

Ed è bello che ora i nostri occhi sembra che si cercano
non han più paura dello specchio che temevano.
Eri dolce la prima sera in macchina al parcheggio
e ti ho stretto forte forte ed è lì che si poteva.

E sarò libera di poterti dire
e sarà sempre amore magico,
sarà poter volare senza mai cadere
e prenderti per mano
e convincerti a soffrire,
perché ogni cosa bella ti fa sempre stare male.
E poi baciarti ogni notte
proprio come le zanzare,
e cercare le tue mani sempre
quando nasce il sole..
e dimostrarti che per niente al mondo
ti farei soffrire
perché sei cosa bella
e non meriti del male.
E poi baciarti ogni notte
proprio come le zanzare,
e cercare le tue mani sempre
quando nasce il sole..
e dimostrarti che per niente al mondo
ti farei soffrire
perché sei cosa bella
e non meriti del male.

Ed è bello che ora i nostri occhi quasi si somigliano,
non han più paura dello specchio che vedevano.
Eri dolce mentre mi baciavi ieri sera,
io ti tengo stretto forte,
lo farò una vita intera.

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI