Denise Pipitone, tensione a Quarto Grado: Nuzzi sbotta contro ex pm Angioni

29/05/2021 di Emanuela Longo

Denise Pipitone

Tensione ai massimi livelli, ieri, nel corso della trasmissione Quarto Grado sul caso Denise Pipitone. In collegamento con il programma di Rete 4, l’ex pm Maria Angioni, tra le prime ad essersi occupata dell’inchiesta sulla bambina scomparsa. Le sue dichiarazioni hanno fatto indignare il padrone di casa Gianluigi Nuzzi ed anche parte dei suoi ospiti. “Ma state il facendo il processo a me?”, ha domandato l’ex magistrato.

Denise Pipitone, a Quarto Grado tutti contro l’ex pm Angioni

Sotto accusa il modo in cui furono condotte le indagini sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone. Questo ha portato gli ospiti di Quarto Grado a porsi delle domande legittime: perché parlare solo oggi, 17 anni dopo, di alcuni aspetti come le testimonianze attualmente ritenute importanti ma sottovalutate proprio quando a tenere le redini dell’inchiesta vi era la Angioni?

Sabrina Scampini ha chiesto all’ex pm un po’ di sano senso critico: “È sempre sicura delle sue opinioni ma è anche la persona che all’inizio avrebbe dovuto indagare e invece ha reso l’indagine impossibile”, ha osservato la giornalista.

La replica dell’ex pm non si è fatta attendere ma ha lasciato ancora una volta perplessi: “Se volete che mi vergogni mi vergogno pure… E allora? Ma ditemi quello che dovevo fare!”.

Tra gli altri, Carmelo Abbate aveva ad esempio osservato come non fu sentita la suocera di Jessica Pulizzi nè furono chieste altre intercettazioni. La Angioni ha quindi replicato che era giunta al fascicolo su Denise Pipitone dopo essersi occupata di sette e maghe e che aveva cambiato impostazione nelle indagini ad esempio sostituendo le forze di polizia. L’ex pm si è sentita sul banco degli imputati ed i toni si sono accesi ulteriormente. Sempre la Angioni ha commentato, incalzata da Nuzzi:

Se tornassi indietro? Spererei in un po’ di fortuna. Se fossimo arrivati a Battista Della Chiave prima… Se il cervello avesse elaborato di più, sarebbe stato un bel colpo… Se c’è qualcosa che non rifarei? No…

Abbate ha quindi sbottato:

Va tutti i giorni in televisione a dire che era pedinata, che c’erano depistaggi… Poi quando le si chiede se ha denunciato, risponde che ha mandato solo qualche email. Una cosa gravissima, deve denunciare!

La Angioni si è giustificata parlando di ostacoli noti in procura e di un proiettile arrivato a un magistrato e la minaccia di un ordigno in tribunale per una vicenda immediatamente antecedente al caso Denise Pipitone. All’epoca, a suo dire, chi aveva denunciato Era stato addirittura “irriso”. Ma gli ospiti non ci stanno:

Era sparita una bambina e lei fa riferimento a un allarme bomba?

Quando Nuzzi ha provato a placare gli animi domandando alla Angioni dove lavorasse attualmente, la replica dell’ex pm ha spiazzato:

Perché lo devo dire, vuole mandarmi una bomba?

A quel punto il conduttore ha sbottato:

Spero che stia scherzando! […]Sta dando delle risposte un po’ strane e mi fermo qui! Queste trasmissioni si fanno perché qualcuno ha sbagliato ed ha depistato e se lei non fa più il sostituto procuratore un esame di coscienza forse se lo dovrebbe fare!

QUI IL VIDEO

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI