Denise Pipitone e la lettera anonima, dettaglio choc: “Bimba piangeva e chiamava la mamma”

21/05/2021 di Emanuela Longo

Denise Pipitone

Si aggiungono nuovi dettagli sconcertanti al caso di Denise Pipitone, la bimba sparita 17 anni fa da Mazara del Vallo, in Sicilia. I dettagli riguardano la lettera scritta da un soggetto che al momento resta anonimo e finita attualmente nelle mani di tre persone: l’avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio; Federica Sciarelli, conduttrice di Chi l’ha visto e il procuratore di Marsala, Vincenzo Pantaleo che è tornato a indagare sul caso.

Denise Pipitone e la lettera anonima: nuovi dettagli

Cosa scrive l’anonimo nella lettera recapitata all’avvocato Giacomo Frazzitta? Ormai il contenuto è diventato di pubblico dominio ed a diffonderlo integralmente è anche Fanpage.it:

Sono diciassette anni che so e sono serissimo. Non ho parlato per paura. Mi trovavo a bordo della mia auto a Mazara del Vallo e sono stato affiancato da un’altra vettura. Ho guardato all’interno dell’abitacolo e ho visto Denise con altre tre persone. Ne sono assolutamente sicuro. Con lei c’erano tre uomini. La bambina piangeva e chiamava la mamma.

Denise Pipitone, lettera anonima

Al momento però l’autore della lettera resta senza un nome e la stessa Federica Sciarelli, in diretta tv, nell’ultima puntata di Chi l’ha visto ha invitato a farsi avanti:

Lo faccia nelle formule che ritiene più opportune. Una lettera se non si abbina a un volto o a un nome resta una lettera.

Ad unirsi all’appello è stata anche la mamma di Denise Pipitone, Piera Maggio, che ha chiesto agli eventuali testimoni di uscire allo scoperto.

Per l’ex procuratore capo di Marsala, Alberto Di Pisa, la vicenda avrebbe avuto origine in ambito familiare:

Penso che sia tutto nato nell’ambito della famiglia “allargata”. Credo che Anna Corona reputasse Denise il motivo per cui il suo matrimonio con Pulizzi era finito. Potrebbe aver fatto sparire la bambina tramite altre persone.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI