La delusione di Rosalinda Cannavò: “L’ignoranza è la cosa che più temo”, ecco il motivo dello sfogo

27/08/2021 di Valentina Gambino

Rosalinda Cannavò

Rosalinda Cannavò si trova in Sicilia dalla sua famiglia per passare qualche giorno con loro prima di tornare alla routine quotidiana in quel di Milano. Tramite le sue storie di Instagram, la ex concorrente del Grande Fratello Vip ha parlato del vaccino e della situazione nella sua terra d’origine.

Rosalinda Cannavò si sfoga: “L’ignoranza è la cosa che più temo”

Non so perché ho questo brutto vizio di svegliarmi presto anche in vacanza. Ancora non riesco a formulare frasi di senso compiuto. Io sono arrivata qui e devo dire con mia amarezza che la maggior parte delle persone non hanno il vaccino, e alla mia domanda perché hai fatto questa scelta non sapevano darmi una motivazione concreta, quella che io so dare per aver preso questa scelta di vaccinarmi.

La fidanzata di Andrea Zenga, quindi, ha mostrato dell’amarezza, specie perché la preoccupazione per le persone a lei care si è presentata con forza:

Questo mi da molta amarezza, perché la Sicilia adesso lunedì diventerà zona gialla, quindi questo fa capire che la situazione sta degenerando. A me quello che più in assoluto fa paura è l’ignoranza e anche in questo caso a mio avviso sta anche qui prevaricando l’ignoranza. Detto questo adesso preparo la mia colazione perché non ci voglio pensare. Questa cosa mi rattrista tantissimo.

Purtroppo anch’io mi trovo (con molta amarezza) d’accordo con Rosalinda. La settimana scorsa sono andata a Palermo dai miei genitori e la situazione anche lì non era proprio delle migliori.

La superficialità e l’egoismo in un momento storico con questo dovrebbero essere totalmente messi da parte, e invece…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rosalinda Cannavò (@adua.del.vesco)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI