Dayane Mello: “Io e Rosalinda ci siamo amate, la storia più importante di questo GF Vip è stata la nostra”

21/04/2021 di Valentina Gambino

Dayane Mello e Rosalinda Cannavò

Dayane Mello intervistata tra le pagine dell’ultimo numero di Chi Magazine uscito stamane, non ha dubbi: l’amore più forte nato al Grande Fratello Vip è quello che ha vissuto lei con Rosalinda Cannavò.

Dayane Mello: “Io e Rosalinda Cannavò ci siamo amate!”

In che rapporti sono oggi con Rosalinda? Amiche di Whatsapp, si può dire? Ci sentiamo spesso. Io sono una persona imperfetta: con lei ho sbagliato. Ora lei è fidanzata, innamorata e sono felice. 

Ma ci tengo a dire che la storia d’amore più importante di questa edizione è stata quella delle “Rosmello”, la nostra. L’amore che provavamo dentro l’abbiamo portato fuori dalla Casa con una forza così grande che ha superato i confini dell’Italia, toccando il Brasile e il resto del mondo. 

La gente ha sognato con noi e noi non fingevamo per nessuno. E poi l’amore ha diverse forme: e noi ci siamo amate. Oggi mi rendo conto di essere stata una grande protagonista di questo programma. 

Io e Rosalinda eravamo verità piena! Lei è carina, sensibile, ma oggi è solo una mia amica. Sa che ancora non ci siamo riviste? Quando succederà, sarà una cosa che avremo deciso insieme. Non dobbiamo forzare un incontro che sarà emozionante.

Dayane Mello parla anche dell’amore “mondiale” che hanno ricevuto le Rosmello:

Non me lo aspettavo, ancora oggi fatico a crederci. La cosa più bella è stato ricevere regali e lettere da ogni parte del mondo e la maggior parte sono di donne che mi dicono: ‘Grazie a te ho avuto il coraggio di tirare fuori gli attributi’. Donne che mi scrivono dal Brasile, dalla Francia, dal Belgio… E’ incredibile!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gabriele Parpiglia (@gabrieleparpiglia)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI