Cristiano Caccamo e Diana Del Bufalo: la verità sul loro rapporto, cosa cerca l’attore?

03/07/2020 di Emanuela Longo

Cristiano Caccamo e Diana Del Bufalo

C’è anche Cristiano Caccamo nel cast di Sotto il sole di Riccione, il nuovo film Netflix disponibile dal primo luglio. Il giovane attore, da sempre molto restio a rivelare dettagli sulla sua vita privata, continua ad attirare la curiosità delle sue fan sempre in attesa di dettagli inediti sulla sua vita, soprattutto quella sentimentale. Una certezza è certamente il suo rapporto con Diana Del Bufalo, ex volto di amici nonché attrice e cantante.

Cristiano Caccamo e Diana Del Bufalo: cosa c’è tra loro?

Il rapporto tra Cristiano Caccamo e Diana De Bufalo è estremamente genuino e trasparente basato su una amicizia molto profonda e duratura. Nonostante questo è stato anche oggetto di approfondite indagini da parte del gossip nostrano che non si è arreso neppure dopo che Diana è uscita allo scoperto con il nuovo fidanzato Edoardo Tavassi, dopo la fine della relazione con Paolo Ruffini.

Ma qual è invece la situazione sentimentale di Caccamo? Il giovane attore a quanto pare sarebbe ancora single e in un’intervista al settimanale F ripresa anche da Gossip e TV ci ha tenuto a fare chiarezza sul suo rapporto con Diana del Bufalo, ribadendo la loro forte amicizia e commentando: “La considero una sorella”.

Cristiano al momento si ritiene single ma con le idee molto chiare su ciò che sta cercando. La sua ragazza ideale dovrebbe essere dotata di bellezza – essendo lui un esteta – ma non solo esteriore. Dovrebbe essere genuina e dotata di ironia e autoironia, in grado di ironizzare anche sui difetti, esattamente come fa anche lui. Ma soprattutto al suo fianco desidera una persona trasparente.

Certamente non è un tipo da colpo di fulmine e talvolta i troppi complimenti delle donne lo mettono a disagio, ma riesce a combattere la timidezza con la simpatia.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI