Costantino Della Gherardesca contro giuria di Ballando, slitta eliminazione e lui se ne va arrabbiato – VIDEO

11/10/2020 di Emanuela Longo

Costantino Della Gherardesca

L’esibizione di Costantino Della Gherardesca, in coppia con Sara Di Vaira, nuovamente al centro delle polemiche a Ballando con le Stelle. La giuria del programma di Rai1, anche ieri ha sottolineato come il conduttore tenda a proporre sempre esibizioni ben distanti dalla disciplina del ballo ma più vicine alle arti figurative.

Costantino Della Gherardesca difende la sua esibizione

Nella puntata di ieri sera di Ballando, Costantino Della Gherardesca si è esibito, ancora una volta in maschera, sulle note di Obladi Oblada dei Beatles in occasione degli 80 anni dalla nascita di John Lennon. Un omaggio importanti che però ha visto il conduttore e la ballerina vestiti in stile Teletubbies.

Parte della giuria è concorde sul definire l’esibizione un non ballo. Selvaggia Lucarelli commenta: “Tu sei un affabulatore, un comiziatore eccellente e ogni settimana provi a intortarci con le parole”. Ma Della Gherardesca giustifica la sua prova mettendo in discussione lo stesso programma:

Non è una balera, ma un programma per divertire il pubblico. Voi non riuscite a vedere oltre i costumi. Un minimo di apertura mentale!

Slitta l’eliminazione

Alla fine della puntata di ieri di Ballando con le Stelle, Milly Carlucci ha annunciato che l’eliminazione prevista slitta alla prossima puntata. Si contendono il posto nel programma proprio la coppia formata da Costantino Della Gherardesca a Sara Di Vaira e quella formata da Antonio Maria Catalani e Tore Villfor.

Ma proprio la decisione di slittare l’eliminazione non è stata presa benissimo dal conduttore che, dopo aver battibeccato sulla sua esibizione con la giuria, come notato da molti utenti social, alla fine ha deciso di lasciare il programma infastidito e si suppone anche arrabbiato mentre è ancora in onda.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI