Coronavirus, Mika choc: “mia mamma in ospedale, sintomi Covid-19 per i miei familiari”

03/04/2020 di Emanuela Longo

Mika

Il terrore del Coronavirus ha raggiunto anche Mika e la sua intera famiglia. Con un lungo post su Instagram, l’artista libanese naturalizzato britannico ha rotto il silenzio scusandosi con i suoi fan e spiegando il motivo dietro la sua assenza anche della scorsa settimana a Domenica In, dove era atteso tra gli ospiti di Mara Venier. Quella che sta per volgere al termine è stata infatti una delle settimane più turbolente della vita del cantante.

Coronavirus, Mika: familiari con sintomi e madre in ospedale

L’ex giudice di X Factor sta vivendo sulla sua pelle la paura immensa del Coronavirus. Lo ha spiegato perfettamente in un lungo e spiazzante post Instagram:

La scorsa settimana è stata turbolenta per la mia famiglia come lo è stata per molti altri in tutto il mondo. I miei familiari, tutti a Parigi, hanno avuto sintomi di COVID-19.

La scorsa domenica pomeriggio, ha spiegato Mika, proprio mentre stava per andare in diretta in onda su Rai1 nel programma condotto da Mara Venier è stato raggiunto da una notizia terribile:

Mia madre è stata trasportata in ambulanza per cure urgenti. Sono stato costretto ad abbandonare la trasmissione e aiutare mio fratello e mia sorella a distanza.

Mika ha quindi ricordato le condizioni di salute piuttosto delicate della madre:

Mia madre ha combattuto un cancro al cervello aggressivo, per questo motivo, tra l’altro, con il passare dei giorni le sue condizioni sono peggiorate, ci hanno detto di prepararci al peggio.

Pur a distanza l’uno dall’altro, ciascuno dei suoi familiari hanno sofferto incapaci di poter contattare o parlare con la madre, “come molti di voi in questo momento”. Poi, il “miracolo”:

Ieri siamo stati informati che si sta stabilizzando.

Inevitabile il pensiero dell’artista rivolto a medici ed operatori sanitari che stanno combattendo in prima linea contro il Coronavirus.

Il mio cuore va a chiunque sia affetto da questo terribile virus. Non essere in grado di parlare o vedere le persone che ami mentre soffrono e combattono è straziante, e voglio esprimere la mia più profonda vicinanza a coloro che si trovano attualmente nella stessa situazione e, peggio, a coloro che hanno perso qualcuno che amano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

I want to apologize for the recent radio silence. This past week has been turbulent for my family as it has been for so many others around the world. Multiple members of my immediate family, all of them in Paris, came down with symptoms of COVID-19. On Sunday afternoon however, just as I was about to go live on air on Italy’s RAI UNO, my mother was sent by ambulance to urgent care. I was forced to abandon the broadcast and help my younger brother and sister from a distance. My mother has been battling an agressive brain cancer, for this reason among others, as the days went by and her condition worsened, we were told to prepare for the worst. We sat at home, each one of us separated, unable to contact her or speak to her, just like so many of you in similar situations right now. Yesterday, by some miracle, we were informed that she is stabilizing. I feel so incredibly grateful to be able to write this message, and such enormous gratitude for those healthcare workers fighting this virus on the front line. We are taking it a day at a time, and we are far from out of the woods. My heart goes out to any one affected by this terrible virus. Not being able to speak or see those you love as they are suffering and fighting is heartbreaking, and I want to express my deepest of sympathies to those who are currently in the same situation and worse, those who have lost someone they love. From my family and I, we send you our love and compassion. Those are two things we will need to hold on to with all our might, to get through the coming weeks. Photo by @francois.roelants used by kind permission.

Un post condiviso da MIKA (@mikainstagram) in data:

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI