Coronavirus, 83enne in casa da giorni senza cibo per paura di uscire: Barbara d’Urso commossa – VIDEO

27/03/2020 di Emanuela Longo

Barbara d'Urso, Coronavirus

Ormai da settimane la trasmissione Pomeriggio 5 di Barbara d’Urso è interamente concentrata sull’emergenza Coronavirus, tra tanta informazione e testimonianze. Nel pomeriggio di ieri, è stata toccante la storia di Giuseppe, un uomo di 83 anni di Napoli ma che vive a Sassuolo, la cui storia ha commosso anche Barbara d’Urso.

Coronavirus, la storia di Giuseppe

L’anziano 83enne vive da solo ed ha raccontato di aver evitato per lunghi giorni di uscire di casa per paura del Coronavirus. Il cibo ad un certo punto è finito e non avendo a disposizione neppure i soldi per acquistarne di nuovo è rimasto per giorni senza poter mangiare. Finalmente a venire in suo soccorso sono state le forze dell’ordine.

Non ho mangiato per giorni, non potevo uscire essendo a rischio per il coronavirus perchè già ho la mia bronchite, ho 83 anni e ho avuto paura perchè sono più esposto a prendere il virus e non avevo neanche i soldi. Dopo alcuni giorni senza mangiare, ho chiamato i carabinieri che mi hanno aiutato. La paura è paura e la fame è fame…

Barbara d’Urso ha trasmesso la telefonata che il signor Giuseppe ha fatto alle forze dell’ordine. Le parole dell’uomo l’hanno fatta commuovere. L’anziano ha poi dichiarato:

Mi hanno portato un po’ di tutto ma se non mi portavano niente, solo la loro presenza per avermi ascoltato era già tanto.

La padrona di casa di Pomeriggio 5 non ha potuto non ringraziare i carabinieri per l’aiuto fornito a Giuseppe.

Grazie per aver preso l’impegno di aiutare Giuseppe. Grazie a tutte le forze dell’ordine. Siete fondamentali per tutti noi.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

Classe 1984, nata a Lecce. Dopo la mia formazione in Media e Giornalismo all'Università di Firenze, ho acquisito esperienze tra Milano e Palermo per poi fare ritorno in Salento. Nasco sul web come blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI