Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro vogliono un figlio: il grande sogno dopo la convivenza

09/04/2021 di Valentina Gambino

Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro

Per inaugurare il loro nido d’amore Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro si sono affidati alle regole della tradizione. “La prima sera che abbiamo trascorso nella nostra casa ho ricordato i racconti di mia nonna Maria, siciliana doc”, svela l’influencer tra le pagine del settimanale Gente.

Clizia Incorvaia e Paolo Ciavarro vogliono un figlio

“Mia nonna mi ha insegnato che quando si entra in un nuovo spazio il menud’obbligo è fritturina di pesce e buon vino bianco. L’abbiamo presa alla lettera. Con un calice colmo (anche di emozione) abbiamo brindato alla convivenza. Era metà gennaio. Pian piano stiamo dando forma ai nostri sogni: l’appartamento rappresenta sempre di più noi”, svela ancora a Clizia.

La Incorvaia e Paolo Ciavarro vivono in un trilocale con terrazzo nel cuore di Roma, la città di lui, che ora ha conquistato definitivamente anche lei:

Paolo e io siamo legati da oltre un anno: il nostro amore per me ha significato una rinascita. Vivere insieme è un bellissimo traguardo. Un passo importante che abbiamo desiderato e ponderato con testa e cuore.

Spazio poi, per i grandi progetti comuni come l’arrivo di un figlio. E, proprio per questo motivo, Paolo Ciavarro aggiunge:

lnsieme guardiamo avanti, nella stessa direzione. Con questa casa abbiamo gettato le fondamenta per costruire una famiglia.

Clizia Incorvaia concorda:

Non ci siamo ancora messi all’opera, ma prima o poi ci piacerebbe un bimbo, un piccolo sogno da sommare al grande sogno che già stiamo vivendo, un figlio da mettere in questo nido. Che io trovo bellissimo, perché è la rappresentazione del nostro grande amore.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Clizia Incorvaia (@cliziaincorvaia)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI