Christian Fregoni, campione di Caduta Libera

Christian Fregoni, Caduta Libera: il bagnino belloccio ha vinto 75mila euro, fan in tilt

23/07/2019 di Valentina Gambino

La città di Brescia sta generando talenti a non finire e Christian Fregoni ne è la dimostrazione. Questo è il nuovo caso di Caduta Libera, il game show condotto da Gerry Scotti in onda ogni giorno sulla rete ammiraglia di Casa Mediaset. Dopo il campioncino dei record Nicolò Scalfi, un altro giovane bresciano sta letteralmente appassionando il pubblico del programma in access prime time di Canale 5, co-prodotto da RTI ed Endemol Shine Italy. Scopriamo tutto del nuovo volto che sta facendo “sognare” grandi e piccini.

Christian Fregoni, il nuovo campione di Caduta Libera ha vinto 75mila euro

Lui si chiama Christian Fregoni e nella puntata in onda ieri, lunedì 22 luglio, alla sua quinta partita sulla botola centrale, ha superato per la prima volta il gioco finale de “I dieci passi” e si è aggiudicato 75.000 euro, portandosi a casa un bel gruzzoletto e riconfermandosi campione ancora una volta.

Christian Fregoni è di Brescia, ha 27 anni, fa il bagnino e sta per laurearsi in Scienze Motorie. Sin dalla sua prima apparizione a Caduta Libera ha conquistato l’attenzione dei telespettatori da casa per l’indubbia avvenenza e il fisico da urlo. Al di là dell’aspetto fisico però il pubblico sta conoscendo un ragazzo educato, simpatico e preparato.

Dopo Nicolò Scalfi arriva Christian

Già nella puntata andata in onda giovedì 18 luglio, Christian Fregoni aveva sfiorato la vittoria ai 10 passi. Il gioco finale di Caduta Libera, consiste nel rispondere alla 10 domande proposte da Gerry Scotti nel giro di tre minuti. Ad apprezzare la presenza fisica dell’attuale campione è stato anche Nicolò Scalfi. Durante le Stories infatti, ha ironizzato scrivendo “Senza fisico Cristian”.

Giornalista e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI