Chiara Ferragni, visita agli Uffizi di Firenze con polemica: ecco per quale motivo il web sbraita

17/07/2020 di Valentina Gambino

Chiara Ferragni, visita agli Uffizi di Firenze

Chiara Ferragni si reca in visita privata agli Uffizi di Firenze e, anche in questo caso, scoppia la polemica social. L’imprenditrice digitale aveva dovuto già affrontare l’indignazione del web a Roma, in compagnia di Fedez (cliccare per credere): cosa è accaduto questa volta?

Chiara Ferragni, visita agli Uffizi di Firenze con polemica

Ieri Chiara Ferragni ha fatto tappa a Firenze per fare uno shooting dentro gli Uffizi. Dopo avere completato il servizio fotografico, la moglie di Fedez ha approfittato per visitare il museo in maniera privata, testimoniandone lo splendore tramite social.

Peccato che gli internauti non abbiamo apprezzato, specie dopo il messaggio condiviso dall’account Instagram del museo che, postando uno scatto dell’imprenditrice, ha scritto:

Ai giorni nostri l’italiana Chiara Ferragni, nata a Cremona, incarna un mito per milioni di followers, una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social. Il mito di Chiara Ferragni, diviso fra feroci detrattori e impavidi sostenitori, è un fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ieri ed oggi … I canoni estetici cambiano nel corso dei secoli. L’ideale femminile della donna con i capelli biondi e la pelle diafana è un tipico ideale in voga nel Rinascimento. Magistralmente espresso alla fine del ‘400 da #SandroBotticelli nella Nascita di #Venere attraverso il volto probabilmente identificato, con quello della bellissima Simonetta Vespucci, sua contemporanea. Una nobildonna di origine genovese, amata da Giuliano de’Medici, fratello minore di Lorenzo il Magnifico e idolatrata da Sandro Botticelli, tanto da diventarne sua Musa ispiratrice. Ai giorni nostri l’italiana Chiara Ferragni, nata a Cremona, incarna un mito per milioni di followers -una sorta di divinità contemporanea nell’era dei social – Il mito di Chiara Ferragni, diviso fra feroci detrattori e impavidi sostenitori, è un fenomeno sociologico che raccoglie milioni di seguaci in tutto il mondo, fotografando un’istantanea del nostro tempo. 🌍ENG: Beauty standards change in the course of time. The female ideal of a blonde- haired woman with diaphanous skin is a very common beauty model in the Renaissance. Masterfully expressed by the Florentine Sandro Botticelli in The birth of Venus maybe portraying the face of one of his contemporary, Simonetta Vespucci. A beautiful noble woman, of Genoese origin, beloved by Giuliano de’ Medici, the younger brother of Lorenzo the Magnificent ; she was so worshiped by Sandro Botticelli that she became his muse. Nowadays, Chiara Ferragni, born in Cremona, embodies a role model for millions of followers – a sort of contemporary divinity in the era of social media – The myth and the story of Chiara Ferragni, argued by harsh critics and supported by faithful fans, is a real sociological phenomenon that involves millions of supporter worldwide and it can undoubtedly be considered a snap-shot of our time.

Un post condiviso da Gallerie degli Uffizi (@uffizigalleries) in data:

Il nome della Ferragni è immediatamente schizzato al primo posto in tendenza su Twitter. E se molti hanno criticato la visita privata chiamandola “privilegiata”, qualcuno fa un ragionamento più concreto:

Gli italiani sono rimasti agli anni 80 e non capiscono che la pubblicità al giorno d’oggi è più efficace sui social. Ma voi avete idea di quanta gente porterà Chiara Ferragni agli uffizi? TANTA. Avete da ridire su qualsiasi cosa.

E ancora:

Io non seguo la Ferragni sui social, ma non per questo la odio. Quello che non riesco a capire è perché qualsiasi cosa lei faccia (persino respirare), viene attaccata. Mi informo abbastanza su di lei ed ho apprezzato molto diverse cose che ha fatto. Come l’ospedale per Covid.

Oppure:

Ancora non avete capito che Chiara Ferragni sta promuovendo i Musei Italiani perché con 20 milioni di follower aiuta ad attirare turisti? Se vivete ancora nel 1500 non è colpa sua, almeno abbiate la decenza di non criticare inutilmente.

Solo una polemica sterile?

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI