Chi l’ha visto, anticipazioni 24 gennaio: il giallo di Roberta Ragusa, info streaming

24/01/2018 di Emanuela Longo

Come ogni settimana, il prime time del mercoledì su RaiTre è riservato alla messa in onda, in diretta, della trasmissione Chi l’ha visto, dedicata ai casi di cronaca ancora irrisolti o alle persone scomparse misteriosamente. Alla guida della trasmissione, immancabile la presenza di Federica Sciarelli che anche oggi si occuperà delle numerose segnalazioni raccolte e dei casi al centro del nuovo appuntamento. Ecco di seguito quali sono le anticipazioni e quali le informazioni per la visione della puntata di oggi di Chi l’ha visto anche in streaming.

Chi l’ha visto, anticipazioni: i casi di stasera 24 gennaio

Al centro della nuova puntata di Chi l’ha visto? in onda stasera, mercoledì 24 gennaio alle 21:15 su RaiTre, il mistero della scomparsa di Roberta Ragusa, la donna e mamma di Gello di San Giuliano terme, in provincia di Pisa e della quale non si hanno più notizie dalla notte a cavallo tra il 12 e il 13 gennaio del 2012. Tra le ultime novità attorno al caso, una lettera anonima arrivata ai primi di gennaio alla redazione del programma e ai carabinieri.

Secondo questi ultimi sarebbe un tentativo di depistaggio in vista del processo d’Appello, previsto a marzo, e che vede imputato Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa, già condannato in primo grado a 20 anni di carcere. Federica Sciarelli cercherà di raccontare chi vuole mettere su una falsa pista i carabinieri e cosa c’entra la storia di Roberta con il mistero dell’uomo del cimitero.

CHI L’HA VISTO, DIRETTA STREAMING E REPLICA – In riferimento alla visione in streaming della nuova puntata di Chi l’ha visto di stasera, ricordiamo che su Rai.Tv sarà possibile vedere la ‘diretta’ della puntata in concomitanza con la messa in onda su RaiTre, mentre a partire da domani, sul sito Rai.Tv e nella relativa sezione Rai Replay sarà visibile la replica streaming della puntata.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI