Chi è Mariasole Pollio? Da Battiti Live al presunto flirt con il nipote di Morandi

20/07/2021 di Valentina Gambino

Chi è Mariasole Pollio?

Mariasole Pollio è una apprezzatissima attrice e youtuber campana che, proprio in questi giorni, sta animando le sere d’estate di Italia1 con Battiti Live al fianco di Elisabetta Gregoraci e Alan Palmieri.

Chi è Mariasole Pollio? Da Battiti Live al flirt con il nipote di Morandi

Classe 2003, nonostante la giovanissima età ha un numero di seguaci social davvero importante. Dopo il boom sul web è diventata anche attrice e in “Don Matteo” interpretando il ruolo di Sofia, mentre nel 2018 ha partecipato ad un film diretto da Leonardo Pieraccioni.

Come ogni youtuber che si rispetti anche Mariasole Pollio ha scritto già il suo primo libro dal titolo “Oltre”. 

Nata a Napoli, la passione per la recitazione in lei è nata in tenerissima età. A sette anni ha anche incominciato a frequentare una scuola di recitazione per inseguire il sogno del cinema.

A 13 anni apre il suo canale su YouTube e viene notata da Francesco Facchinetti che la arruola nella sua agenzia e la convince a prendere parte ai provini di Don Matteo dove ottiene il ruolo di Sofia.

Nel 2018 prende parte del film “Se son rose”, pellicola diretta da Leonardo Pieraccioni.

In TV tiene compagnia agli estimatori più giovani ogni martedì sera con Battiti Live in onda su Italia 1.

La vita privata

Per quanto riguarda le sue relazioni d’amore, si è vociferato di un flirt con Valerio Mazzei smentito proprio dalla diretta interessata.

Si è anche ipotizzata una frequentazione con Federico Rossi dopo la rottura da Paola Di Benedetto e, proprio di recente, è saltato fuori il nome di Giovanni Antonacci, figlio di Biagio e nipote di Gianni Morandi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ☀️MSP (@mariasole_pollio)

Blogger e social addicted. Scrivo di televisione, gossip, cinema e musica. Amo le serie TV, sono dipendente dalla mia barboncina Zooey e vivo in Salento tra sole, mare, vento, amore e arcobaleni.

COMMENTI