Censura al GF Vip? Interviene ex gieffino: “So benissimo chi gestisce la regia, ecco perchè lo fanno”

23/01/2021 di Emanuela Longo

GF Vip

Nelle ultime ore a più riprese si è parlato di “censura” al GF Vip. Il motivo è legato alla presunta decisione di due concorrenti tra i più forti dell’edizione, Tommaso Zorzi e Stefania Orlando, di abbandonare il reality il prossimo lunedì a causa dell’eccessivo prolungamento. L’ultimo è stato reso noto ai gieffini solo di recente ed a molti la decisione della produzione proprio non è andata giù.

Censura al GF Vip? Parla un ex gieffino

I Vipponi sono ormai stanchi ed inevitabilmente pensano alla possibilità di lasciare prima del tempo il GF Vip. Se ne parla in Casa in queste ore la il discorso sembra non piacere molto alla regia che in più occasioni ha letteralmente censurato le conversazioni spostandosi su altro.

Ad intervenire su questo aspetto non del tutto nuovo ci ha pensato un ex gieffino che nei confronti del GF Vip ha dimostrato di nutrire qualche piccolo rancore per via di un trattamento a lui riservato e mai del tutto andato giù.

Parliamo di Salvo Veneziano che in queste ore, riprendendo uno dei tanti articoli in rete legati alla questione “censura” ha voluto dire la sua su Instagram commentando:

La regia censura… so benissimo chi gestisce la regia… Censurano “perchè dentro il confessionale ci sarà stata un’opera di convincimento per farli restare presumo”. Anche perché se mai dovesse abbandonare sono totalmente finiti. Due personaggi che creano discussioni all’interno della casa , quindi fanno parlare… Tanti possono pensare, ma c’è la coppia che fa parlare… La coppia è già passato remoto.

Una frecciatina “velata”, quella pronunciata sul finale dal pizzaiolo siciliano, presumibilmente all’unica coppia presente in Casa, ovvero quella formata da Giulia Salemi e Pierpaolo Pretelli.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Salvo Veneziano (@salvovenezianoofficial)

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI