C’è posta per te, Alessandro e Florinda: dopo le corna ancora insieme? Retroscena “no vax” e accuse

24/01/2021 di Emanuela Longo

C'è posta per te, Alessandro e Florinda

Storia di corna direttamente dalla Sicilia, ieri sera a C’è posta per te. Una delle storie della terza puntata ha visto protagonista Alessandro, il traditore che dopo la proposta di matrimonio alla compagna Florinda è scivolato in una scappatella perchè, come si giustifica lui stesso, “a volte sono uomo a volte sono bestia”.

Alessandro e Florinda a C’è Posta per Te: storia di un tradimento

Alessandro per mesi ha avuto uno scambio di messaggi con una collega con la quale sarebbe poi successo qualcosa di più dopo un incontro. Florinda, dopo essersi imbattuta nei messaggi dell’uomo ed avergli teso una trappola ha avuto la conferma del tradimento. Ma i messaggi con le colleghe non sarebbero terminati qui fino alla decisione di Florinda di lasciarlo, non potendo più fidarsi di lui.

A C’è posta per te però sono riemersi più forti che mai i sentimenti nei confronti dell’uomo, per il quale è andata anche oltre la sua malattia – Alessandro soffre di sclerosi multipla – chiudendo persino amicizie per questo motivo. Alla fine, dopo varie incertezze, la donna ha deciso di concedergli un’altra possibilità e di aprire la busta.

Alessandro e Florinda ancora insieme? Il retroscena “no vax”

Intanto dopo la puntata in tanti utenti si sono domandati se per caso i due stessero ancora insieme. Da veri investigatori molti spettatori si sono messi a caccia dell’identità dei protagonisti di C’è posta per te e sono riusciti a intercettare il profilo social dell’uomo. Alessandro nella foto profilo compare proprio insieme a Florinda, sorridenti e felici, a dimostrazione della loro duratura unione.

Eppure, a far storcere il naso è stato un altro dettaglio. Scrutando il suo profilo alcuni utenti hanno anche intercettato alcune sue dichiarazioni chiaramente “no vax”, come riferisce anche Fanpage.it. Ecco alcuni post sul tema scritti dall’uomo che hanno sollevato non poche polemiche sui social:

La vera paura la creano i media controllati. Cerchiamo di aprire gli occhi. Basta creare terrore, dobbiamo tornare a vivere.

Solo in Italia si crea il terrore, che serve per creare zombie. Ma adesso l’Italia è salva grazie al “super vaccino”. PS: sono disposto a donare le mie dosi di vaccino, chi le vuole?

Serve il vaccino obbligatorio con la mappa sotto la pelle e le antenne sopra le corna.

Classe 1984, nata a Lecce. Blogger televisiva ma i miei interessi e le mie passioni non escludono tutti i colori della cronaca.

COMMENTI